"Rudi", la prima stagione della serie web made in Modena gratis su YouTube

Domenica 22 marzo, per quattro ore, i tre episodi della prima mini-stagione della serie web "Rudi" saranno disponibili gratuitamente su Youtube

La serie web made in Modena “Rudi”, premiata a livello nazionale e internazionale, e a quanti l’hanno supportata negli ultimi due anni: domenica sera 22 marzo, infatti, la prima mini-stagione in tre episodi sarà visibile gratuitamente per quattro ore (dalle 20 alle 24) su YouTube. Ci si collega qui alle 20 direttamente sul canale o si potrà accedere dal link pubblicato sulla pagina ufficiale Facebook della serie e gratuitamente si potrà accedere alla visione di tutte e tre le puntate: ’Un nuovo inizio’, ‘Echi’ e ‘Ribellione’.

A seguire, sempre sul canale Facebook, ci sarà una diretta in cui chi avrà visto gli episodi potrà lasciare il proprio commento e fare domande.

L’iniziativa è un piccolo contributo che la produzione di “Rudi” (partner Comune di Modena, BPER Banca, Modenamoremio e Stoff, con sostegno anche di Trc’, Coop Alleanza 3.0, Ausl e Montaditos) vuole dare in un momento delicato, in cui lo svago a casa diventa una risorsa preziosa di condivisione.

Dopo i premi internazionali vinti dall’episodio pilota (ben 12), la prima mini-stagione ha iniziato il 2020 con nuovi premi e un’incetta di nomination internazionali. In particolare, Rudi ha ottenuto un premio ai Florence Film Awards come ‘Best Horror’ e due agli Oniros Film Awards con i titoli di “Best 1st time Producer” (miglior produttore esordiente a Vincenzo Malara) e “Best Soundtrack” (migliore colonna sonora a Christian Terenziani e Riccardo Cucco). Tante anche le nuove nomination, tra cui quelle al Caorle Film Festival, al Roma Cinema Doc, al Simply Indie Film Fest di Oklahoma city e agli Independent Cinema Showcase di Los Angeles. Creata e prodotta da Vincenzo Malara, la serie “Rudi” è diretta da Lillo Venezia (la prima puntata con Piernicola Arena). Protagonisti Christian Terenziani e Marianna Folli con altri attori, tra cui Giuseppe Sepe, Gian Battista Fiorani Donatella Allegro, Giulia Trivero, e la partecipazione straordinaria di Lino Guanciale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Protagonista della storia è Rudi (Christian Terenziani), ex infetto (simile in tutto e per tutto a uno zombie) guarito e liberato dalla sua aggressività e tornato umano. La vicenda si svolge in una Modena reduce da un'epidemia che ne ha decimato la popolazione. Qui decine di ex infetti come Rudi vengono messi davanti a un bivio: andare in esilio per sempre o provare a reinserirsi nella società. Rudi sceglie di tornare a casa ma deve scontrarsi con un mondo che lo guarda con diffidenza, costringendolo ai margini. Ad aiutare il protagonista nella rinascita sarà Camilla, amica speciale, eccentrica quanto lui (Marianna Folli). Intanto, ai confini della città qualcosa di inquietante minaccia di tornare portando con sé un passato terribile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento