menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Teatro Comunale di Carpi, al via la prima parte della stagione

Sipario dal 6 novembre, nel rispetto delle disposizioni per la prevenzione dell’emergenza da COVID-19.Da sabato 10 ottobre al via la campagna per l’acquisto dei biglietti

Dieci spettacoli in cartellone, con complessive 27 repliche, per una stagione decisamente straordinaria, al momento presentata per i primi due mesi, novembre e dicembre, nel rispetto di tutte le disposizioni per la prevenzione del contagio da Covid-19. Ma il Teatro comunale di Carpi, pur con accessi contingentati e nessun abbonamento a posto fisso, si presenta al pubblico con proposte di grande qualità, nel solco della propria tradizione. Biglietti in vendita a partire da sabato 10 ottobre.

“Inizia a novembre una nuova stagione - afferma Davide Dalle Ave, Assessore alla Cultura – che fino a poco tempo fa non credevamo possibile proporre. Abbiamo dovuto adattarci a una situazione senza precedenti, ma il nostro obiettivo è sempre stato di rialzare il sipario e continuare a dare un’offerta con nomi di grande rilievo del teatro nazionale. Pur con i limiti che dovremo rispettare per tornare davanti al palcoscenico, ci auguriamo che questa nuova scommessa sul teatro e sulla cultura venga premiata con l’entusiasmo di sempre dal nostro pubblico. Voglio rivolgere un ringraziamento particolare alle persone che hanno rinunciato a chiedere il rimborso per gli spettacoli annullati in primavera (circa un migliaio, per un ammontare di oltre 20 mila euro), aderendo alla campagna nazionale #iorinuncioalrimborso, un gesto molto apprezzato di vicinanza e sostegno al Teatro Comunale e a tutto il mondo dello spettacolo”.

Un tema ripreso anche da Carlo Guaitoli, direttore artistico del Teatro: “la pandemia non ci ha permesso di concludere una stagione teatrale che, fino al momento del lockdown, aveva regalato grandi soddisfazioni, con spettacoli di ottima qualità e una risposta del pubblico oltre le aspettative. Oggi, vista la situazione di incertezza e di continuo cambiamento, presentiamo la sola prima parte della stagione, nella quale abbiamo chiesto agli artisti la disponibilità ad aggiungere una replica in più per ogni spettacolo, in modo da accontentare un maggior numero di spettatori, vista la capienza ridotta del teatro e l’impossibilità di vendere abbonamenti. Sono nomi illustri, di grande prestigio, protagonisti assoluti della scena nazionale, quelli che si avvicenderanno sul palcoscenico del Comunale, e che ci permetteranno di proseguire sulla strada della qualità e dei contenuti.

Gli spettacoli

La stagione inaugura venerdì 6 (ore 21) e sabato 7 novembre (due repliche, ore 16 e ore 21) con la proposta de “L’Altro Teatro” Oblivion Rhapsody, uno spettacolo di e con gli Oblivion, che già erano presenti nella scorsa stagione teatrale, ma con un diverso titolo, annullato poi per la pandemia. Oblivion Rhapsody è la summa dell’universo Oblivion, sempre amati dal pubblico carpigiano, un gigantesco bigino delle performance più amate e imitate che parte dalle famose parodie dei classici della letteratura, passando per la dissacrazione della musica a colpi di risate. Sempre de “L’Altro Teatro” fa parte anche Lolita (sabato 5 dicembre, ore 16 e ore 21): Paolo Calabresi affronta la lettura del celebre romanzo di Nabokov, insistendo sulla vicenda personale di Humbert, l’uomo dedito a mille sotterfugi per impadronirsi del corpo e della mente di Lolita. Il diario di una redenzione impossibile, un viaggio e una fuga senza speranza, con la colonna sonora originale eseguita dal vivo da Violetta Zironi.

Domenica 8 novembre (due repliche, ore 16 e ore 21) è la volta della “Musica classica”: nell’anno dell’anniversario beethoveniano, Michele Campanella e Monica Leone presentano un’originale versione per due pianoforti della celebre Nona Sinfonia di Ludwig van Beethoven, nella suggestiva trascrizione di Franz Liszt. Il secondo appuntamento di classica, domenica 6 dicembre (due repliche, ore 16 e ore 21), Anna Tifu Tango Quartet presenta il concerto che si sarebbe dovuto tenere a marzo scorso: in questo affascinante progetto, passato, presente e futuro vengono condensati in un unico ed insolito viaggio nella storia del tango, fatto di contaminazioni, suggestioni classiche, tradizione ed innovazione.

Due le proposte di “Teatro” per questa prima parte di stagione. Venerdì 13 novembre (ore 21), sabato 14 (ore 21), domenica 15 (due repliche, ore 16 e ore 21) Luca Lazzareschi e Laura Marinoni sono i protagonisti di Cita a ciegas (Confidenze fatali), un thriller appassionante, un avvincente intreccio di incontri apparentemente casuali dove violenza e inquietudine serpeggiano dentro rapporti forse d’amore. A dicembre (venerdì 11, ore 21; sabato 12, ore 21; domenica 13, ore 16 e 21) Ettore Bassi è il professor John Keating, che fu interpretato da Robin Williams ne L’Attimo fuggente: una storia d’Amore, amore per la poesia, per il libero pensiero, per la vita. Quell’Amore che ci fa aiutare il prossimo a eccellere, non secondo i dettami sociali strutturati e imposti ma seguendo le proprie passioni, pulsioni, slanci magnifici e talvolta irrazionali.

Domenica 22 novembre (ore 16 e ore 21), concerto d’eccezione: la tromba di Enrico Rava, il pianoforte di Stefano Bollani, il trombone di Gianluca Petrella, insomma, il podio olimpico del jazz italiano. Si tratta di un’occasione unica per ascoltare il grande decano della musica improvvisata nazionale, Rava, dialogare con i più eclettici e creativi solisti del jazz italiano, Bollani e Petrella.

A dicembre spazio alla danza (martedì 8 dicembre, ore 16 e ore 21), con l’omaggio di Teatro Blu e Giovane Compagnia Kataklò al mondo onirico di Fellini, nel centenario della nascita, in uno spettacolo in cui il teatro si mescola con arti circensi, danza acrobatica, immagini multimediali accompagnate dalle piu? belle melodie di Nino Rota suonate dal vivo. Rivolto soprattutto alle famiglie lo spettacolo della Compagnia Baccalà in Pss Pss (domenica 20 dicembre, ore 16 e ore 21), due clown contemporanei che attraverso il linguaggio universale del corpo e dello sguardo incantano e divertono.

Infine, lo spettacolo di Capodanno, Broadway Celebration: straordinari solisti, due cori gospel e una band d’eccezione. Un incredibile viaggio nel mondo travolgente del grande Musical di Broadway e del West End di Londra: da The Rocky Horror Show a Jesus Christ Superstar, da Mamma Mia a Sister Act, lo spettacolo ripercorre le pagine più belle dei Musical più famosi, in un’atmosfera solenne e festosa. Previste quattro repliche: 31 dicembre (ore 16 e ore 21) e 1° gennaio (ore 16 e ore 21), per iniziare il nuovo anno all’insegna della musica e del teatro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la provincia di Modena sarà "zona rossa" da giovedì 4 marzo

Attualità

Zona rossa: a Modena asili, nidi e parrucchieri chiusi da lunedì

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento