Polisportive e centri anziani, nuovi fondi per la sicurezza

SICUREZZA, CONTRIBUTI PER SISTEMI DI DIFESA PASSIVA Il nuovo bando per l'installazione di telecamere, allarmi acustici, inferriate o porte blindate.

Dopo i dieci progetti per installare o potenziare i sistemi di sicurezza nelle polisportive co-finanziati nei mesi scorsi con un contributo complessivo di 26.225 euro, il Comune di Modena allarga il panorama dei beneficiari dello stesso tipo d’intervento includendo anche forme associative che operano per la terza età.

È già on line (www.comune.modena.it) il nuovo bando per la “Concessione di contributi a fondo perduto per l’installazione di impianti e sistemi di difesa passiva mirati alla prevenzione di fatti criminosi”, che rende disponibili complessivamente altri 23.774 euro e a cui possono partecipare le polisportive iscritte all’Albo comunale che gestiscono strutture sportive o ricreative, realizzate su aree comunali in diritto di superficie o in concessione, e le associazioni iscritte all’Albo delle forme associative operanti in ambito sociale con riferimento alla terza età che occupano spazi in concessione.

L’intero finanziamento, dell’importo totale di 50 mila euro, rientra nel Bilancio 2015 ed è stato previsto nell’ambito delle politiche di sicurezza urbana e, in particolare, delle attività volte alla prevenzione dei reati.

Lo stanziamento è, in particolare, destinato a favorire l'adozione di mezzi di difesa passiva nell'ambito delle politiche di sicurezza urbana e, in particolare, delle attività volte alla prevenzione dei reati. Sono ammissibili al contributo le spese di acquisto e di installazione di sistemi di sicurezza composti da telecamere a circuito chiuso, da sistemi anti intrusione con allarme acustico predisposti per essere collegati a Istituti di Vigilanza o di altri sistemi che potranno essere individuati con la consulenza di ditte specializzate, oltre a inferriate, serrande, porte di sicurezza, casseforti o armadi blindati. I contributi saranno erogati nella misura dell'80 per cento della spesa ammissibile, che va da un minimo di 2.000 a un massimo di 5.000 euro a seconda degli interventi. Qualora le richieste di finanziamento non esauriscano le risorse disponibili, potranno essere ammessi a finanziamento anche interventi di revisione, ammodernamento o integrazione di impianti già esistenti.

Le domande di contributo, secondo modalità e condizioni indicate nell’avviso pubblico, vanno presentate entro le ore 12 dell’11 luglio all’Ufficio Politiche per la Legalità e le Sicurezze del Comune di Modena, via Scudari 20, a mezzo di raccomandata A/R, corriere autorizzato, posta celere o direttamente presso l’ufficio (dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13, lunedì e giovedì anche dalle 15 alle 17) o tramite posta elettronica certificata (polizia municipale@cert.comune.modena.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra "ribelle" GimFIVE di Modena Est riapre oggi. Arriva la polizia

  • #IoApro, si allarga anche a Modena la protesta dei commercianti per riaprire tutto il 15 gennaio

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • Coronavirus, percentuale di positivi in crescita. A Modena altro picco

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

  • Tavoli pieni e cena regolare nei ristoranti aperti ieri sera contro il Dpcm

Torna su
ModenaToday è in caricamento