Politica

Favia: “La Cispadana? Meglio dare quei soldi ai terremotati”

Il Movimento 5 Stelle presenta un'interpellanza in Regione, ovvero che il denaro pubblico della Cispadana, quasi 180 milioni di euro, sia destinato alla ricostruzione. Dello stesso avviso anche Prc

Giovanni Favia

Non smette di far parlare di sé Giovanni Favia, dopo lo sfogo che ha tenuto banco per giorni su chi manovra dietro le quinte, ma non poi troppo di nascosto, il movimento che nominalmente fa capo a Grillo: e dopo la querelle su Casaleggio, ecco che il ribelle del partito lancia la sua campagna contro la realizzazione della nuova Cispadana.

IL PROGETTO - Per chi non ne avesse ancora sentito parlare, la Cispadana sarà una breve autostrada, circa 67 km, che dovrebbe collegare il casello di Reggiolo-Rolo a Ferrara, proseguendo poi fino all’Adriatico.  Per i costruttori e la concessionaria dell’appalto si tratterebbe, manco a dirlo, di un’infrastruttura destinata a “facilitare gli scambi tra le aree colpite dal sisma, l’Italia e l’Europa”, senza contare poi che verrebbe in parte realizzata grazie al recupero delle macerie del terremoto. Insomma, tutto di guadagnato? In verità qualche perplessità, soprattutto alla luce del disperato bisogno di fondi per la ricostruzione, è più che giustificata, anche perché l’incentivazione selvaggia del trasporto su gomma non è certamente salutare né per l’ambiente né per l’aria che respiriamo in Emilia, tra le più inquinate d’Italia.

GLI OPPOSITORI/1 – Per queste ragioni Giovanni Favia, che nonostante i dissapori (sembra sanati) con la dirigenza del M5S occupa ancora saldamente il suo posto in Regione, ha presentato un’interpellanza al Consiglio Regionale per chiedere che i soldi pubblici destinati alla realizzazione della Cispadana, circa 180 milioni di euro, vengano destinati interamente alla ricostruzione della Bassa terremotata. All’obiezione di Simonetta Saliera, Assessore emiliano al Bilancio, che fa debolmente presente come “ a seguito di apposita gara, l’amministrazione ha contratto un impegno giuridicamente vincolante con il soggetto aggiudicatario”, Favia non demorde e chiede di visionare il contratto di attribuzione, per valutare le penali in caso di rescissione e nel caso di considerare l’ipotesi di stoppare il progetto comunque. Giustamente, è stato il pensiero del consigliere, a fronte di penali ‘abbordabili’ si potrebbe comunque pensare di destinare quei soldi all’Emilia.

GLI OPPOSITORI/2 – E in attesa di vedere come evolverà la questione, ovvero se la Regione terrà conto della proposta del partito di Grillo, si alza un’altra voce decisamente contraria alla realizzazione dell’arteria autostradale, quella del Partito di Rifondazione Comunista. Gli esponenti emiliani del partito si oppongono per ragioni ambientali e non solo: la Cispadana infatti “attraverserebbe un contesto abitativo e produttivo profondamente colpito e che vede quasi 14.000 abitazioni gravemente danneggiate, centinaia di capannoni crollati e 39.000 lavoratori sospesi dal lavoro a causa del sisma. A cosa e a chi servirebbe?” Ma per ora, dalla Regione, tutto tace.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Favia: “La Cispadana? Meglio dare quei soldi ai terremotati”

ModenaToday è in caricamento