La Penna Sognante: quali libri modenesi leggere durante il periodo in cui si rimane a casa

Ora che la gente #restaacasa è il momento migliore per leggersi un buon libro, o anche più di uno, ecco che abbiamo chiesto alla book blogger modenese Roberta de Tomi di segnalarci libri modenesi che ha apprezzato

Se #iorestoacasa: i romanzi consigliati da La penna sognante

Se #iorestoacasa: ecco che nascono occasioni per leggere un romanzo. Un momento d’evasione in compagnia di autori e autrici di Modena e provincia; belle penne capaci di darci tanti momenti di evasione, emozioni e conoscenza. Dal thriller al romance passando per la poesia e per il fantasy, ecco alcuni consigli per voi dalla blogger Roberta De Tomi, de “La penna sognante”

Quale libro modenese di genere giallo/thriller consiglieresti?

Il primo romanzo è un thriller: “Un lingotto rosso sangue” di Luca Marchesi (BookRoad, 2019) . Il corpo di una ragazza barbaramente uccisa viene trovato ai bordi di una pista ciclabile. Una giovane con una vita apparentemente normale… sarà davvero così? Luca Marchesi, giornalista professionista è già autore della trilogia per ragazzi “Le streghe della Bassa” (Leone Editore 2009/2010) di cui riprende il personaggio del maresciallo Milano che diventa protagonista di questa vicenda ad alta tensione. Un thriller ambientato nel 2012, in cui le indagini si intrecciano al terremoto che arriva all’improvviso, sconvolgendo la vita della Bassa. Alla cronaca vissuta, si aggiunge un pizzico di folclore esoterico, unito al passato e all’omaggio affettuoso a un grande scrittore della zona: Giuseppe Pederiali che ha un cammeo insieme a una nota giornalista modenese… non diciamo chi! Un romanzo ricco di riferimenti, raccontato da una penna che arriva al lettore in maniera limpida e concreta. 

Quale libro modenese di genere horror consiglieresti?

“Il giorno dei morti - La saga dei vampiri” (Acheron 2020) si cala nello scenario di una Modena che si tinge di rosso. Gli ammazza vampiri creati da Claudio Vergnani se la devono vedere  con il leggendario Grimjanck; lo scontro porta a una sconfitta così cocente che ricaccerà i protagonisti nel limbo di una vita fatta di conflitti e soprattutto di vampiri che sembrano invincibili. Ma si sa che quando si tocca il fondo della paura, c’è qualcosa che ci riporta in alto per prendere a piene mani il coraggio. Claudio Vergnani ci coinvolge con la sua penna magistrale, capace di scavare nell’animo umano, ma allo stesso tempo di regalarci momenti memorabili di terrore e di… umorismo. Se non avete ancora conosciuto Vergy, questa è l’occasione! Un passato da militare, un cinismo che scandisce battute più taglienti di un coltello, è l’altra faccia della medaglia del più malinconico e introspettivo Claudio.  
Ovviamente dimentichiamoci le mise di Buffy: i vampiri di Vergnani non sono lo Spike o i bellocci che ci hanno propinato alcune note serie tv Young Adult; i non-morti modenesi hanno ben altro aspetto e incarnano davvero le nostre paure più macabre.

Quale libro modenese di genere romance consiglieresti?

“La verità è che non ti odio abbastanza” (Newton Compton, 2019). Per chi ama le fiabe moderne, eccone una! L’autrice è Felicia Kingsley, modenese che ha conquistato le lettrici con le sue storie romantiche narrate con sagacia e una sensualità mai volgare.  “La verità è che non ti odio abbastanza” ha come protagonista Lexi, una facoltosa ereditiera dell’Upper East Side che incontra Eric Chamber, detective di punta dell’FBI che sta indagando su una truffa che vede coinvolta la famiglia Sloan. Tra i due è… colpo di fulmine? No! Fin dall’inizio è guerra, ma sarà davvero così anche successivamente?
L’ambientazione è americana, ma la commedia degli equivoci ci riporta a tante situazioni nostrane, in bilico tra teatro e sitcom. Un’altra conferma per Felicia che alla solidità e ricchezza degli intrecci coniuga con sapienza ingredienti emozionali che appassionano e, al contempo, fanno sognare. Il tutto facendo brillare situazioni e personaggi, grazie a uno stile frizzante e piacevole, mai banale. 

Quale libro modenese di genere introspettivo/autobiografico consiglieresti?

“E allora ti ho cercato tra le lettere” (autoprodotto) di Cristiana Casarini. Qui incontriamo la vita vissuta, narrata in una serie di lettere che l’autrice scrive a diversi destinatari. Affetta da Atrofia Muscolare Spinale, Cristiana corre veloce a sulla sua carrozzina. È Segretaria del Sindaco e degli Assessori della sua città, Finale Emilia; partecipa attivamente alla vita associativa della sua comunità, canta, organizza eventi (è un’organizzatrice eccellente); è moglie, figlia, sorella, zia, ma è soprattutto una sognatrice che in punta di penna si racconta con sincerità. Le sue lettere sono finestre aperte su un mondo variegato costellato di pregiudizi, stereotipi, battaglie, ma anche di momenti in cui la vita sboccia come un fiore. Con una penna profonda ed elegante, Cristiana si confessa, racconta gioie e dolori ma sempre mostrando la forza di una donna che ama, piange, sorride e ride. E il lettore con lei. 

Quale libro modenese di genere di poesia consiglieresti?

“Il rumore di passi” (Round Midnight Edizioni 2019) di Luca Ispani è una raccolta di liriche che dal locale spostano lo sguardo al globale cogliendone fratture e le peculiarità. Da Seattle a Modena, passando per l’Appennino, nota con delicatezza le intime sofferenze fisiche e morali umane aprendosi  a temi quali la disabilità e la malattia. Ogni componimento  è cornice e quadro, è un pezzo di vita che Luca Ispani ha captato, fatto proprio e riversato sulla pagina in modo sincero e personale. I suoi versi non cercano l’artificio ma toccano le corde della semplicità, portandoci nel cuore della provincia più genuina,  piena dei valori di socialità e di umanità. Una penna sensibile e profonda capace di toccare e di toccarci. Poesia che racconta le cose della vita, piccole e grandi, senza pretese di verità. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per concludere: La penna sognante, cosa, dove e… contatti?

La penna sognante è un blog di letture e scritture creative. Oltre a trattare il tema della scrittura creativa con argomenti dedicati e suggerimenti di esercizi (provare per credere), si occupa di segnalazioni, recensioni (a discrezione del blog, vista l’alta richiesta) interviste ad autori e autrici, nonché di eventi.
Inoltre si parla dei libri di Roberta De Tomi autrice… da “Alice nel labirinto” (DAE - 2014) 
L’indirizzo è: lapennasognante.blogspot.com. Pagina FB: La penna sognante
E-mail: lapennasognante@gmail.com 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Focolaio in un bar di Carpi, l'Ausl invita gli avventori a fare il tampone

  • Pullman nel fosso dopo uno scontro con un furgone, grave incidente a Campogalliano

  • Covid. La Regione lancia il test gratuito in farmacia per i genitori degli studenti

  • Altri quattro casi nelle scuole. Classi in isolamento a Modena, Carpi e Castelfranco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento