Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Viaggio alle Salse di Nirano, i vulcani di argilla

 

Le Salse sono emissioni di fango freddo, prodotte dalla risalita di acqua di origine marina, frammista ad idrocarburi, principalmente gassosi (metano) e, in piccola parte, liquidi (petrolio), che, venendo in superficie, attraverso faglie e fratture del terreno, stemperano le argille del terreno dando luogo alle tipiche formazioni a cono o a polla. Il fenomeno era noto sin dall'antichità, come dimostrano diversi ritrovamenti archeologici in zona, e studiato da celebri scienziati del passato, con osservazioni anche molto fantasiose sui cosiddetti 'vulcani di fango'. 

Il nome “Salsa” deriva dall’alto contenuto di sale delle acque fangose, ricordo di quel mare che fino a 1 milione di anni fa occupava l’attuale Pianura Padana. Sale che rende particolarmente inospitali ed aridi i terreni attorno agli apparati, tanto che le sole piante che qui possono sopravvivere sono graminacee come la Puccinellia fasciculata, diffuse nei litorali costieri.

Le Salse vengono considerate fenomeni “pseudovulcanici”, in quanto hanno caratteristiche simili ai vulcani, ma hanno origini completamente diverse, non essendo collegate al magma ed essendo assolutamente fredde. Le Salse di Nirano, situate nel comune di Fiorano Modenese, rappresentano un importante fenomeno geologico di rilevanza internazionale. La Riserva naturale, istituita nel 1982, tutela il più vasto e peculiare complesso di Salse della regione Emilia Romagna e, con quello di Aragona (Agrigento), il più importante d'Italia e uno tra i più articolati d'Europa.

La Riserva si estende su circa 200 ettari nel territorio comunale di Fiorano Modenese, tra i corsi d’acqua Fossa e Chianca, sulle prime pendici dell’Appenino Modenese. Con la sua rete di 13 sentieri attrezzati e percorsi didattici, aperti a tutti, anche a disabili e ipovedenti, il Centro visite Cà Tassi, sede anche del Ceas Pedecollinare, l’Ecomuseo Cà Rossa e il Campo catalogo delle cultivar antiche, la Riserva accoglie circa 70.000 visitatori all’anno. La Riserva delle Salse di Nirano fa parte dell’Ente Parchi dell’Emilia Centrale ed è una delle principali tappe della Via dei Vulcani di Fango, un percorso emozionale di oltre 60 km  che attraversa sei Comuni, toccando oltre 50 punti di interesse tra dimore storiche, siti archeologici e beni ambientali. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento