Lunedì, 17 Maggio 2021
Attualità

Centri estivi a Sassuolo: 30mila euro a sostegno dell'accoglienza di ragazzi con disabilità

30.000 euro a sostegno dell'accoglienza dei minori con disabilità, delle fasce di età 3-6 e 6-12 sono stati stanziati la Giunta del Comune di Sassuolo

Un contributo complessivo pari a € 30.000 e rivolto agli enti gestori di servizi ricreativi estivi del Terzo settore (APS, OdV, scuole paritarie e Parrocchie), a sostegno dell'accoglienza dei minori con disabilità, delle fasce di età 3-6 e 6-12.

Li ha stanziati la Giunta del Comune di Sassuolo attraverso la delibera n°59 del 13 aprile scorso in corso di pubblicazione all’Albo Pretorio.

“Potranno accedere al contributo – si legge nella delibera - i gestori privati, senza scopo di lucro, quali Parrocchie e Associazioni di volontariato, che accolgano nei Centri Ricreativi Estivi o Soggiorni Estivi, autonomamente organizzati e autorizzati, nel rispetto della vigente normativa in materia, (nel territorio sia comunale sia extracomunale), i bambini con disabilità certificata ai sensi della L. 104/92 dalla competente NPIA, in presenza dei seguenti requisiti: svolgere attività senza scopo di lucro dimostrata con iscrizione ai registri regionali APS, OdV; aver presentato, o di impegnarsi a presentare, prima dell’avvio del servizio, la SCIA (Segnalazione Certificata Inizio Attività); rispettare le normative vigenti sulle attività rivolte ai minori ed in particolare quelle relative alla privacy e alle norme antipedofilia; iscrizione al servizio di bambini che hanno frequentato la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e la classe 1^ e 2^ della scuola secondaria di 1° grado nell’a.s. 2020/2021, di cui si attesta l’effettiva iscrizione al CRE o soggiorno estivo per l’anno 2021, regolarmente residenti nel Comune di Sassuolo al momento dell’iscrizione; iscrizione al servizio di bambini residenti con disabilità certificata, che hanno frequentato la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e la classe 1^e 2^ della scuola secondaria di 1° grado nell’a.s. 201 9/2020, la cui Diagnosi Funzionale preveda, tra le risorse per l’integrazione, il supporto educativo-assistenziale o PEA durante l’anno scolastico”.

“Si stabilisce per l’anno 2021- prosegue la delibera - quale entità contributo a sostegno delle maggiori spese di organizzazione e gestione sostenute per l’accoglienza dei bambini con disabilità certificata, che hanno frequentato la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e il 1°e 2° anno della scuola secondaria di 1° grado, residenti nel comune di Sassuolo, nei servizi estivi in oggetto la somma di € 300,00 settimanali per massimo 2 settimane per ciascun bambino frequentante il CRE o soggiorno estivo.

Sarà valutata, al termine della raccolta delle domande di contributo, l’eventuale assegnazione di un contributo per ulteriori settimane (non oltre il massimo di complessive n. 5 settimane per ciascun bambino, compresa anche l’eventualità di iscrizione in più sedi), se la spesa per il totale dei contributi regolarmente richiesti risulterà inferiore alla somma specificatamente stanziata sul bilancio del comune di Sassuolo a sostegno dell’iniziativa in oggetto. Sarà osservato come criterio di priorità, per questa ulteriore assegnazione, la gravità della patologia certificata al bambino. Il contributo sarà assegnato ed erogato al singolo soggetto gestore a consuntivo dell’attività di CRE o soggiorno estivo, sulla base del possesso dei requisiti di ammissione e dell’attestazione del numero delle settimane effettivamente frequentate, nel rispetto del loro numero massimo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centri estivi a Sassuolo: 30mila euro a sostegno dell'accoglienza di ragazzi con disabilità

ModenaToday è in caricamento