Ciclo-spazio, dove imparare ad aggiustare le bici

A carpi nasce il ciclo-spazio, un’area ad uso libero dove potere imparare a riparare il proprio mezzo a due ruote con materiali sostenibili e di riuso

Stili di vita sani, mobilità sostenibile, riuso ed economia circolare sono queste le parole chiave ma in questo caso non sono solo parole, hanno invece a che fare con legno, metallo, gomma e tanto olio di gomito per imparare ad aggiustare la propria bicicletta.

L’idea è nata in primavera, quando le associazioni carpigiane Velodogma e Bike Polo si sono presentate allo Spazio Giovani Mac’é! con alcune idee in cerca di un luogo in cui svilupparsi.

Così una delle sale prove dello Spazio Giovani è stata liberata dagli strumenti e amplificatori, ed è stata oggetto di un restyling e hanno realizzato un’area dove poter riparare in modo green  le biciclette, dando così il benvenuto al “Ciclo-spazio”.  In alcuni pomeriggi e due serate, gli associati di Velodogma / Bike Polo e gli operatori del Mac’é hanno quindi attrezzato lo spazio, utilizzando materiale rigorosamente di riciclo e utensili specifici per poter riparare, customizzare e dar vita a veicoli “a trazione umana” non necessariamente a due ruote.

L’allestimento collettivo del 18 giugno si intitolava “Aggiustiamo sotto le stelle”: il 9 luglio è stata la volta di “Chiacchiere e manubri”.

Questo è il mood del Ciclo-Spazio del Mac’è!, dove l’obiettivo principale è fare aggregazione tra ruote, pedali e bulloni che girano. Ora che l’allestimento è concluso, i gestori stanno programmando le attività che prenderanno il via da Settembre, con la settimana della mobilità. Ci saranno momenti di incontro con cicloturisti e workshop per imparare a ripararsi la bicicletta con il fai da te, un orario di apertura per far divenire questo spazio un punto di riferimento della mobilità green per i giovani di Carpi dagli 11 ai 29 anni. Il Ciclo-spazio, non sarà un luogo per pochi appassionati o “addetti ai lavori”, ma rigorosamente aperto a tutti e ed accesso libero e gratuito. Ci si potrà andare semplicemente per una riparazione, o darsi appuntamento lì per programmare un’uscita con gli amici sugli argini o per le ciclabili della città, ma anche solo per fare due chiacchiere e capire se le vecchia bici arrugginita del nonno è sicura e può essere ancora buona per andare in Stazione la mattina. Il ciclo-spazio è, per sua definizione, collettivo; quindi ciò che sarà lo decideranno gli utenti di domani, ma ora che la bicicletta è partita, l’importante è continuare a pedalare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piatto dell'anno 2021, Massimo Bottura sperimenta e vince ancora

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, 1.413 contagi in regione. A Modena i numeri raddoppiano

  • Coronavirus. 1.212 nuovi positivi e 14 decessi in regione. Modena prima provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento