Attualità

Pronti per il Giretto d'Italia? Torna l'iniziativa di Legambiente

Modena e Carpi tra le 24 città in concorso per il titolo, in base al numero di ciclisti che verranno registrati da appositi rilevatori in una giornata, giovedì 20 settembre

Piacenza è stata lo scorso anno la più pedalabile. Quest'anno la sfida si rinnova e sono 25 le città italiane che si contendono il titolo di centro urbano più bike friendly, ovvero il Comune dove il maggior numero di persone usa quotidianamente la bici per andare a scuola o al lavoro. Il 20 settembre infatti si corre il Giretto d'Italia, ottava edizione del campionato di ciclabilità urbana organizzato da Legambiente e VeloLove in collaborazione con Euromobility, l'associazione italiana dei mobility manager, e con il sostegno di Cnh Industrial. 

Obiettivo: stimolare anche nel nostro Paese la diffusione del Bike to Work e Bike to School. Chi riuscirà a convincere più persone ad andare al lavoro e a scuola in bicicletta si aggiudicherà la maglia rosa della mobilità nuova. A concorrere per il Giretto d'Italia 2018, spiega un un comunicato di Legambiente, che come di consueto si terrà nell'ambito della Settimana Europea della Mobilità (16-22 settembre), saranno 24 città italiane: Alessandria, Bologna, Bolzano, Carmagnola (Torino), Carpi (Modena), Fano (Pesaro-Urbino), Ferrara, Genova, Jesi (Ancona), Milano, Modena, Napoli, Padova, Pavia, Pesaro, Piacenza, Potenza, Ravenna, Reggio Emilia, Torino, Trento, Udine, Urbino, Venezia. Per due ore a scelta nella fascia oraria compresa tra le 6.00 e le 10.00 del mattino verranno monitorati i passaggi di coloro che avranno scelto la bicicletta per recarsi al lavoro o a scuola.

Il conteggio avverrà tramite check-point allestiti in zone appositamente scelte dagli organizzatori e nelle immediate vicinanze delle aziende pubbliche e private e delle scuole che hanno aderito all'iniziativa. A vincere saranno i comuni che segnaleranno il maggior numero di ciclisti. 

Il Giretto d'Italia si propone di rendere visibile il traffico ciclistico delle città italiane che normalmente non è misurato nelle indagini statistiche sullo stato della mobilità, fornendo quei dati sugli spostamenti in bicicletta da casa al lavoro, ovviamente simbolici, che pero' spesso mancano e invece sarebbero utili in sede di programmazione e pianificazione della mobilità urbana. 

"Modelli di mobilità urbana smart e sostenibili non sono più rinviabili e lo dimostra il crescente successo del Giretto d'Italia e il sempre maggior interesse dei cittadini verso la ricerca, in ambito urbano, di forme di mobilità alternativa all'utilizzo quotidiano dei mezzi privati a motore è ormai evidente- dichiara Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente- sono sempre di più gli studenti e i lavoratori che scelgono le due ruote a pedali per gli spostamenti casa-lavoro o casa-scuola. Ciclisti, pedoni e trasporto pubblico crescono dove andare in auto diventa l'opzione meno concorrenziale e dove c'è garanzia di sicurezza per la cosiddetta utenza vulnerabile. Per città sempre più bike friendly è fondamentale agire sugli spazi urbani pianificando un nuovo tipo di mobilità che metta al centro le esigenze di spostamento della persona e non del veicolo e la conseguente riappropriazione dello spazio pubblico da parte dei cittadini. Le amministrazioni comunali devono cogliere e concretizzare la spinta che arriva dai loro cittadini, favorendo sempre di più modelli di mobilità leggera e integrata con i sistemi di trasporto pubblico locale, creando di fatto una alternativa vera all'automobile privata".

(DIRE)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pronti per il Giretto d'Italia? Torna l'iniziativa di Legambiente

ModenaToday è in caricamento