Nicola Magrini nuovo direttore dell'aifa: "Riconoscimento per tutta la sanità modenese"

«La nomina di Nicola Magrini alla guida dell'Aifa rappresenta un riconoscimento importante per tutta la sanità modenese e valorizza una figura di alto profilo scientifico e professionale da sempre impegnata a favorire l'accesso di tutti i malati ai migliori trattamenti e cure».
Esprime soddisfazione Gian Carlo Muzzarelli, presidente della Conferenza territoriale sociale e sanitaria della provincia di Modena, alla notizia della nomina di Nicola Magrini quale nuovo direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa).

Farmacologo, attualmente segretario del comitato per i farmaci di base dell'Oms a Ginevra, Magrini ha istituito 20 anni fa e diretto fino al 2011 a Modena il dipartimento dell'Ausl sulla valutazione della efficacia dell'assistenza sanitaria (Ceveas), occupandosi, tra l'altro, di farmaci e dell'accesso alle cure, favorendo l'informazione rivolte ai medici e a tutti i soggetti interessati, ruolo che ha ricoperto anche per l'Agenzia sanitaria regionale; è stato ricercatore  all’istituto Mario Negri di Milano, è membro fondatore del network Cochrane Italia e vanta una lunga esperienza nel settore della valutazione dei farmaci. 

La nomina di Magrini è stata indicata dal ministro della Salute Roberto Roberto Speranza, ha ottenuto il via libera dai presidenti di Regione e sarà formalizzata con il parere favorevole della Conferenza Stato-Regioni, previsto nel pomeriggio di mercoledì 15 gennaio.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni: Provincia di Modena in linea con la Regione. Via Emilia targata Pd

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Bambina di sei anni precipita dalla seggiovia, paura sul cimone

Torna su
ModenaToday è in caricamento