Giovedì, 24 Giugno 2021
Attualità

Premio di laurea Marcello Fiorentini rivolti ai laureati magistrali in Ingegneria Civile e Ambientale

Unimore istituisce due premi di laurea in memoria di Marcello Fiorentini, ricercatore di idraulica che ha collaborato attivamente con l’Agenzia Interregionale per il fiume Po e la Protezione Civile durante l’esondazione del fiume Secchia. I premi sono rivolti ai laureati magistrali in Ingegneria Civile e Ambientale le cui tesi di laurea trattino temi riguardanti l’ambiente e la sostenibilità ambientale

Unimore ricorda il dott. Marcello Fiorentini promuovendo la prima edizione di due premi di laurea a lui dedicati. Il Dott. Fiorentini, laureato in Ingegneria Civile e Ambientale cum laude dell’Ateneo emiliano, ha proseguito con un dottorato di ricerca i suoi studi appassionati, ancora oggi oggetto di analisi dei suoi colleghi, legati alla vulnerabilità idraulica del territorio modenese. L’impegno in questa materia e il desiderio di essere parte attiva nella risoluzione dei problemi idraulici insistenti sulle province di Modena e Reggio Emilia lo hanno visto collaborare con l’Agenzia Interregionale per il fiume Po nella redazione di studi inerenti le interazioni tra le correnti idriche superficiali e sotterranee e le grandi opere di sbarramento fluviale dei fiumi Panaro, Secchia e Crostolo.

A questo brillante collega e amico il Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore dedica due premi di laurea del valore di mille euro ciascuno, rivolti ai laureati e alle laureate del corso di laurea magistrale in Ingegneria Civile e Ambientale.

L’iniziativa, fortemente voluta dalla famiglia di Fiorentini assieme agli amici e agli ex-colleghi ed in collaborazione con Unimore, servirà per mantenerne vivo il ricordo nonché per dare seguito al suo impegno alla soluzione delle problematiche legate al territorio locale, a cui Marcello era profondamente legato.

I premi saranno banditi di anno in anno, sotto forma di borse di studio, a partire dall’anno accademico 2021/2022.

Privati ed aziende possono donare cifre in denaro a sostegno dell’iniziativa.

Marcello amava la montagna. La frequentava, la rispettava e la viveva sotto molteplici aspetti ma, nonostante fosse un esperto, un evento tragico e imponderabile lo ha tradito. - ricordano tutti i suoi colleghi del DIEF di Unimore - Marcello era cosciente di come la comunità in cui era cresciuto gli avesse permesso di sviluppare e coltivare i suoi numerosi talenti. Come se volesse sdebitarsi di ciò, ha sempre contribuito con passione alla soluzione delle problematiche legate al territorio, accrescendo al contempo le proprie conoscenze. I premi pertanto saranno assegnati a brillanti studenti che, come lui, hanno deciso di accendere la luce sul patrimonio che hanno vicino casa, evidenziandone le fragilità, ma avendo lo spirito di rimboccarsi le maniche per trovare, giorno dopo giorno, soluzioni efficienti e sostenibili”.

Questa iniziativa va a supportare le attività di formazione del nostro Ateneo nel settore Civile e Ambientale, e in particolare sulla sostenibilità ambientale. Uno sviluppo sostenibile è fondamentale - affermano il Prof. Stefano Orlandini e il Prof. Sergio Teggi referenti dei corsi di laurea in Ingegneria Civile e Ambientale di Unimore - per il benessere umano e dell’ambiente, cosi? come sottolineato dagli obiettivi dell’Agenda 2030 redatta delle Nazioni Unite. Tra questi obiettivi ve ne sono alcuni strettamente legati alle tematiche affrontate nel corso di Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale, quali la promozione di azioni per combattere i cambiamenti climatici, rendere le citta? insediamenti sicuri, duraturi e sostenibili, realizzare infrastrutture resistenti, nonché garantire la disponibilità e la gestione sostenibile delle risorse idriche”.

Unimore riconosce il valore della sostenibilità ambientale e della protezione del territorio nelle proprie attività istituzionali di didattica e ricerca, - commenta la prof.ssa Grazia Ghermandi di Unimore Delegata del Rettore alla Sostenibilità e ciò si esprime anche nella promozione di questo premio intitolato a Marcello Fiorentini, che si era dedicato allo studio di tali tematiche con impegno, grande passione e rilevante profitto, lasciando un vivo ricordo in chi lo ha conosciuto”.

I partecipanti al Premio di Laurea Marcello Fiorentini, dovranno aver svolto una tesi di laurea magistrale su temi riguardanti l’ambiente e la sostenibilità ambientale finalizzate ad individuare soluzioni alle problematiche legate al territorio su cui insiste la realtà dell’Ateneo.

Tutte le informazioni relative al bando.

Marcello Fiorentini (Lama Mocogno, 7 giugno 1987 - 13 febbraio 2021) studia presso l’Università di Modena e Reggio Emilia dove nel 2009 consegue la Laurea Triennale in Ingegneria Ambientale con il massimo dei voti, discutendo una tesi dal titolo “Studio del funzionamento idraulico delle casse di espansione del Torrente Crostolo”, e nel 2011 la Laurea Magistrale in Ingegneria per la Sostenibilità Ambientale, anch’essa con lode, con la tesi “Descrizione numerica del funzionamento dei serbatoi per il controllo delle piene”. Dottore di Ricerca dal 2015, dopo aver “difeso” la tesi dal titolo “Robust numerical modeling of surface-subsurface flow interactions in complex drainage basins”, ha condotto attività di ricerca come assegnista Unimore, proseguendo le sue esperienze lavorative presso COOP Alleanza 3.0 e, successivamente, presso Honeywell.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio di laurea Marcello Fiorentini rivolti ai laureati magistrali in Ingegneria Civile e Ambientale

ModenaToday è in caricamento