rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Economia Bomporto

Danni alluvione, Rabboni scrive a Martina per la campagna assicurativa 2014

L'assessore regionale all'agricoltura stigmatizza "l’inaccettabile e non motivato comportamento delle Compagnie assicuratrici" sia per "i ritardi nella comunicazione delle condizioni da applicare" che "la proposta di parametri del tutto inadeguati rispetto alle esigenze degli agricoltori"

L’assessore regionale all’agricoltura Tiberio Rabboni ha chiesto l’intervento del ministro delle politiche agricole Maurizio Martina per sbloccare l’avvio della campagna assicurativa 2014 contro i danni alle colture da avversità atmosferiche e contestualmente convocare un tavolo  tra tutti i soggetti interessati per  definire regole “trasparenti ed efficaci”  a tutela delle imprese agricole. Nella lettera inviata Rabboni stigmatizza “l’inaccettabile e non motivato comportamento delle Compagnie assicuratrici” sia per “i ritardi nella comunicazione delle condizioni da applicare” che per quanto riguarda “in alcuni casi limitati, la proposta di parametri del tutto inadeguati rispetto alle esigenze degli agricoltori".

A fronte del notevole anticipo del ciclo vegetativo delle colture frutticole di pregio, dovuto all’anomalo andamento stagionale, tale situazione di stallo  - sottolinea Rabboni -  rischia di avere  conseguenze sulla “competitività  dell’intero comparto agricolo italiano chiamato a misurarsi con Paesi nei quali le compagnie assicurative rappresentano un importante elemento di supporto all’agricoltura”. Secondo l’assessore tale situazione non è motivata da alcun elemento concreto. Il Piano nazionale infatti è stato  approvato con largo anticipo dallo stesso Ministero delle politiche agricole, mentre la riassicurazione pubblica è disponibile dal mese di febbraio. 

Per questo Rabboni, anche a fronte della nuova Programmazione dello sviluppo rurale che prevede per l’Italia “una disponibilità di 1 miliardo 640 milioni per la gestione del rischio contro le calamità naturali”, chiede a Martina che venga anche  attivata un “una sede di confronto  tra amministrazioni pubbliche, sistema assicurativo privato, associazioni agricole e mondo cooperativo per giungere alla definizione di un quadro regolamentare e organizzativo in grado di evitare il ripetersi di simili problematiche

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Danni alluvione, Rabboni scrive a Martina per la campagna assicurativa 2014

ModenaToday è in caricamento