Venerdì, 25 Giugno 2021
Economia

Tante aziende metalmeccaniche di Modena verso il fermo produttivo, trattative in corso

Grandi realtà si sono giò fermate, altre stanno valutando il da farsi con un confronto sindacale. Una situazione in divenire dove esigenze economiche e tutuela della salute si intrecciano in modo a volte troppo complesso

Sono ore di grande fibrillazione nelle fabbriche di tutta la provincia., in particolare nel settore metalmeccanico dove sono in corso in queste ore i confronti tra le Rsu, e le direzione aziendali per definire e verificare l’applicazione delle misure di salvaguardia della salute e sicurezza dei lavoratori come previsto dal protocollo nazionale di sabato 14 marzo, per la protezione del contagio da Coronavirus.

"Questo vuol dire che nella giornata odierna un numero elevato di aziende stanno trattando con il Comitato interno per la sicurezza e alcune sono in fermo produttivo - spiega la Fiom modenese - In altre aziende metalmeccaniche modenesi i lavoratori si sono invece da subito astenuti, o stanno in queste ore uscendo dalla fabbrica in sciopero quali CBM, Trenton, Sacmi ed altre, perché non ci sono condizioni di sicurezza".

Ci sono poi alcune grandi e medie aziende come Ferrari Auto, Itm, Wam, Coxa, Carrozzeria Imperiale, e altre che hanno scelto di chiudere per periodi più o meno lunghi, anche con il ricorso ad ammortizzatori sociali, per ragioni produttive o ritenendo complesso garantire la condizione di sicurezza.

"Il vero problema rimangono le piccole e medie imprese metalmeccaniche, molte delle quali, stanno continuando a lavorare, pur in assenza delle condizioni di sicurezza. Anche in queste realtà i lavoratori possono decidere di scioperare se ritengono che la loro salute sia messa a rischio, come previsto dalla proclamazione di sciopero nazionale unitaria di Fim Fiom Uilm sino al 22 marzo. Però nelle piccole imprese, spesso obbligate dai contratti di fornitura a continuare la produzione, la ricattabilità dei lavoratori è grande e rende complicata anche l’adesione allo sciopero", spiega il sindacato. 

La Fiom Cgil di Modena  auspica interventi più decisi da parte del Governo, perché "quanto messo in campo sino ad ora è insufficiente a tutelare una gran parte dei lavoratori".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tante aziende metalmeccaniche di Modena verso il fermo produttivo, trattative in corso

ModenaToday è in caricamento