Economia

Ingegneria e design unite per soluzioni innovative grazie alla partnership tra RE:Lab e CRIT

Dalla collaborazione avviata tra l’azienda hi-tech reggiana e l’hub tecnologico modenese verranno sviluppate nuove competenze ad alto contenuto tecnico-scientifico e soluzioni digitali hardware/software per diversi settori industriali

Integrare competenze ingegneristiche e tecniche di design per progettare soluzioni innovative applicabili a diversi settori industriali, per migliorare l'interfaccia uomo-macchina, l'interazione tra sistemi complessi e la user experience. Sono queste le premesse alla base della partnership avviata tra due aziende emiliane che operano nell'hi-tech: la reggiana RE:Lab (specializzata nella progettazione di soluzioni avanzate che uniscono competenze di ergonomia e know-how di ingegneria) e CRIT S.r.l., centro di ricerca modenese che supporta le imprese nei processi di innovazione di processo e di prodotto, sviluppando progetti qualificati per il trasferimento di conoscenze tecnologiche.

Il progetto

La collaborazione ad alto tasso tecnico-scientifico che si svilupperà lungo l'asse della via Emilia prende il via dall'adesione di RE:Lab al Network dei Fornitori Accreditati di CRIT S.r.l., inaugurando così un proficuo scambio di competenze nei rispettivi settori di operatività. Grazie a questa partnership RE:Lab arricchisce il novero ristretto delle aziende riconosciute dai soci di CRIT S.r.l. come fornitori di eccellenza, potendo così usufruire dei servizi di innovazione collaborativa offerti dalla rete collegata all'hub tecnologico modenese che le permetteranno di continuare il proprio processo di miglioramento e crescita interna.

  "Con l'ingresso di RE:Lab nella nostra rete di fornitori accreditati accogliamo con piacere un partner qualificato e performante, che consentirà alla nostra struttura, ed alle aziende nostre socie, di elevare il livello di expertise in settori strategici quali il design applicato allo sviluppo di soluzioni ergonomiche e gli ambienti digitali hardware/software, legati ad esempio allo sviluppo di applicazioni IoT (Internet of things)" commenta Marco Baracchi, General Manager di CRIT.

   "La nostra competenza" dichiarano i soci fondatori di RE:Lab Fabio Pagliai, Roberto Montanari e Francesco Tesauri "è trasversale ai settori applicativi, ma per esprimersi al meglio deve unirsi a conoscenze di dominio. All'interno di CRIT abbiamo trovato aziende che operano in contesti differenti ma hanno in comune l'attenzione all'evoluzione tecnologica e la disponibilità allo scambio di competenze. Pensiamo quindi di avere molte occasioni per imparare e, per la nostra parte, contribuire allo scambio".

   CRIT è una società privata con sede a Vignola nata nel 2000, specializzata nella consulenza tecnico-scientifica ad alto livello: grazie ad uno staff composto da Ingegneri e laureati in materie tecniche, supporta le imprese nei processi di innovazione di processo e di prodotto, favorendo il trasferimento di conoscenze tecnologiche tra le aziende socie, tra le quali figurano i nomi principali dell'eccellenza tecnologica italiana (con particolare riferimento all'Emilia-Romagna) ed internazionale. I soci di CRIT sono esclusivamente aziende, molte delle quali leader mondiali nei rispettivi settori, tra cui: Alstom, Beghelli, Datalogic, Ferrari Spa, System Ceramics, Technogym, Sacmi e Tetra Pak. Partendo dal confronto su temi di interesse condiviso vengono organizzati scambi di best practices e benchmarking specifici, da cui scaturiscono soluzioni tecniche, gestionali ed organizzative. CRIT partecipa a importanti circuiti nazionali e internazionali dell'innovazione, tra cui EFFRA
   (European Factories of the Future Research Association), SPIRE (Sustainable Process Industry through Resource and Energy Efficiency) e la Rete Alta Tecnologia dell'Emilia-Romagna.

   RE:Lab, fondata nel 2004 a Reggio Emilia, è un'azienda specializzata nello sviluppo di soluzioni d'interazione per sistemi complessi in settori come Automotive, Off-Highway Machinery, Home Automation, Ferroviario, Difesa, Automazione Industriale, Finanza. RE:Lab unisce competenze di ergonomia e know-how d'ingegneria per accompagnare i propri clienti dal progetto all'operatività, come descritto dalla sua mission: "From drawing to driving". Partendo da zero o da un HMI esistente, l'approccio di RE:Lab consiste nel trasformare un concetto in una soluzione funzionante, pronta per essere messa in produzione, un approccio denominato "Interaction Engineering": HMI, dal disegno alla guida. I tre pilastri principali di Interaction Engineering sono: un'ampia gamma di servizi HMI; abilitazione dei prodotti HMI; RE: Search, l'unità interna di ricerca e sviluppo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ingegneria e design unite per soluzioni innovative grazie alla partnership tra RE:Lab e CRIT

ModenaToday è in caricamento