menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ambiente: Un confronto tra esperti e realtà del territorio

Approvato all’unanimità in Consiglio comunale l’ordine del giorno presentato da Aime (Verdi), che chiede anche di procedere nella riforma delle Consulte

Sviluppare un confronto in Comune sui temi ambientali, coinvolgendo esperti e realtà del territorio, con l’obiettivo di supportare l’azione dell’Amministrazione nell’attesa che venga ricostituita la Consulta per l’ambiente. È l’invito che rivolge all’Amministrazione l’ordine del giorno approvato all’unanimità dal Consiglio comunale di Modena nella seduta di giovedì 15 aprile. La mozione, proposta da Paola Aime (Verdi), chiede inoltre di sostenere il lavoro dell’Assemblea verso la piena riforma degli istituti partecipativi, a partire proprio dalle Consulte.

Presentando il documento in aula, la consigliera Aime ha ricordato l’attenzione del Comune nei confronti dell’ambiente e, in particolare, verso lo sviluppo sostenibile del territorio, anche attraverso gli obiettivi previsti dal Piano urbano della mobilità sostenibile, “valorizzando la cultura di rispetto dell’ambiente e con una sostanziale modifica di atteggiamento e abitudini anche da parte dei cittadini”.

Aime ha quindi rilevato il ruolo che potrebbero rivestire anche su questi argomenti gli istituti di partecipazione, come appunto la Consulta per l’ambiente: “Dalla promozione della cultura della difesa del territorio e dell’ambiente – ha osservato la consigliera – fino alla tutela del paesaggio e del patrimonio naturale, storico, artistico, culturale, passando per lo sviluppo del trasporto pubblico locale in un’ottica di salvaguardia del paesaggio, questo organismo può dare un significativo contributo operativo”. Proprio con l’obiettivo di offrire spunti di elevata competenza, nell’attesa che il percorso istituzionale e amministrativo avvii una riforma “da raggiungere con urgenza” volta anche a ricostituire le Consulte, la mozione sollecita l’attivazione di tavoli di lavoro in Comune sui temi dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile “per esercitare le funzioni di ascolto e partecipazione – ha detto Aime –, cogliendo inoltre le opportunità e i suggerimenti per l’Amministrazione”.

Gli interventi dei consiglieri 

Sono intervenuti consiglieri comunali di diversi gruppi nel dibattito che ha portato ad approvare all’unanimità, durante la seduta del 15 aprile del Consiglio comunale di Modena, l’ordine del giorno dei Verdi incentrato sul coinvolgimento delle associazione ambientaliste nelle scelte dell’Amministrazione e, più in generale, sul valore degli istituti partecipativi “che sono da riformare per adeguarli ai tempi”.

Aprendo il dibattito per Fratelli d’Italia – Popolo della famiglia, Elisa Rossini ha sottolineato “l’urgenza” di una revisione degli istituti partecipativi, a partire dal “regolamento dei rapporti con l’associazionismo che risale al 1996”. Per la consigliera Rossini è importante che la partecipazione dell’associazionismo alle scelte dell’Amministrazione “sia reale e attiva: il Comune non deve limitarsi a informare delle scelte fatte, ma deve coinvolgere le realtà operative sul territorio”, senza fermarsi “all’assistenzialismo, cioè all'erogazione di fondi senza perseguire la partecipazione”.

“Perché il rapporto tra Consulte e organi amministrativi si è affievolito?”. Lo ha chiesto Giovanni Bertoldi (Lega Modena), definendo questi istituti “portatori di interesse istituzionali e permanenti”. Auspicando dunque maggiore coinvolgimento, il consigliere ha proposto “audizioni con i referenti delle consulte per condividere le motivazioni del sottoutilizzo”. Inoltre, ha suggerito di “convocare il coordinamento intersettoriale”, prevedendo a seguire “proposte di modifiche del regolamento con l’obiettivo di assicurare un’intensificazione dei rapporti con le istituzioni”.

Le consulte sono “uno strumento di partecipazione al di là della tematica”, ha detto Enrica Manenti (Movimento 5 stelle), sottolineandone il ruolo anche in termini “di scambio di competenze, di supporto e di visioni” nei rapporti sia col Consiglio sia con la giunta. Esprimendo più in generale la richiesta di “un rinnovato dibattito politico sugli strumenti di partecipazione, a partire dai Quartieri, la cui riforma del regolamento sta dando esiti poco soddisfacenti”, la consigliera ha precisato che “un approfondimento sul ruolo delle Consulte è positivo, ma solo se saremo disposti ad ascoltare questi organismi”.

Paola Aime (Verdi), intervenuta dopo aver presentato la mozione, ha ribadito che “con questo documento vorremmo chiarire il ruolo delle Consulte; alcune hanno rallentato la propria attività, altre meno”, rappresentando anche l’occasione per una riforma dei rapporti con l’associazionismo, “visto che il regolamento risale al 1996 e da allora sono cambiate molte cose, come l’abolizione delle Circoscrizioni”. La consigliera ha sollecitato, infatti, “un confronto approfondito sugli istituti partecipativi, ascoltando anche il parere delle stesse Consulte sul ruolo che vogliono rivestire”.

“Le Consulte rappresentano un elemento positivo nell’ambito della partecipazione popolare, che è fondamentale sollecitare, ma non sono l’unico”, ha commentato Vincenzo Walter Stella (Sinistra per Modena). Il consigliere ha spiegato che “in questa consigliatura si è avviato il percorso per definire la riforma degli istituti di partecipazione, definendo anche il ruolo del Quartieri e dando loro nuova dignità”. Perciò “è preferibile non rallentare questo importante iter sovrapponendo le Consulte, che comunque, in un’ottica di valorizzazione, devono diventare entità funzionali e complementari, non antagoniste”.

Per il Pd, Lucia Connola ha sottolineato che la partecipazione popolare si deve realizzare “attraverso percorsi organizzati e strutturati”, aggiungendo che l’avvio delle Consulte “fa parte della riforma complessiva degli istituti di partecipazione, iniziata dall’Amministrazione nella scorsa consigliatura e non ancora completata”. Fondamentale è “l’impegno e il lavoro di tutto il Consiglio comunale, luogo preposto per attuare le riforme degli istituti partecipativi, organi da regolamentare attraverso un percorso che non può che compiersi in questa sede”. Antonio Carpentieri ha definito le Consulte “un pezzo di partecipazione ‘verticale’ che deve essere adeguato alle nuove esigenze sulla partecipazione”. In attesa della riforma, il capogruppo ha giudicato positivamente “i tavoli di lavoro settoriali in Comune, che possono sopperire almeno in parte al ruolo delle Consulte, tenendo in opportuna considerazione le associazioni che fanno parte di questi organismi e coinvolgendole nelle scelte amministrative”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, 113 casi in provincia. Tre decessi e tre ricoveri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento