menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consiglio Comunale, Antonio Baldini lascia la Lega per approdare in Fratelli d’Italia

Mal digerito l'appoggio al Governo Draghi, il consigliere comunale saluta il Carroccio per proseguire al fianco della neo-collega Elisa Rossini

Antonio Baldini, eletto in Consiglio comunale nel 2019 con la Lega per Salvini Premier, lascia il Carroccio per passare al gruppo consiliare Fratelli d’Italia – Popolo della Famiglia. Si consuma quindi anche sotto la Ghirlandina un passaggio dalla Lega al FdI, come ccaduto in più parti d'Italia dopo la decsione del partito di Salvini di appoggiare il Governo Draghi: una scelta mal digerita dall'area più "sovranista", che ha rivolto quindi le proprie attenzione al partito di Giorgia Meloni, unica forza politica che si è collocata all'opposizione nell'attuale assetto parlamentare. Pochi giorni fa la stessa scelta era stata ufficializzata anche dal deputato Gianluca Vinci, ex resposnabile regionale leghista.

“Si è trattata di una decisione alquanto sofferta presa a conclusione di un percorso di riflessione, lascio una comunità politica in cui ho militato attivamente per sei anni - dichiara Baldini - ma dall’agosto del 2019 (epoca in cui Salvini decise inspiegabilmente di provocare la caduta del governo giallo-verde) ad oggi non ho condiviso gran parte delle scelte effettuate dai vertici del partito in ambito nazionale e regionale e l’entusiastico sostegno al governo Draghi ha accresciuto ulteriormente il mio dissenso. Non mi sento più rappresentato e né intendo rappresentare localmente un partito che in campo nazionale ha scelto di allearsi con forze politiche antitetiche sul piano valoriale e programmatico quali in particolare il PD e LeU, finendo per sostenere un governo “tecnico-politico” o di “salvezza nazionale” che nei fatti - si pensi solo alle riconferme di ministri come la Lamorgese o Speranza e alla gestione inadeguata della crisi economico/sanitaria - si sta ponendo in pressoché totale continuità con il pessimo governo Conte-2”

“Al contrario”, prosegue Baldini, “condivido in pieno la scelta sovranista di Fratelli d’Italia, ovvero innanzitutto quella di non dare la fiducia in Parlamento a un governo che rappresenta per l’Italia un nuovo commissariamento e quindi un “Monti-bis”, verosimilmente già programmato da tempo con l’ulteriore pretesto dell’emergenza Covid-19. C’è la necessità in Italia di una Destra autenticamente nazionale e popolare che si ponga quale reale alternativa alle “sinistre” filo-europeiste, orgogliosa delle proprie radici ma al contempo proiettata nel futuro, radicata sul territorio e rispettosa delle autonomie locali ma che abbia come baricentro imprescindibile l’interesse nazionale. Ringrazio la dirigenza di Fratelli d’Italia per avermi accolto, lavorerò con rinnovato entusiasmo assieme alla consigliera Elisa Rossini nel gruppo consiliare FDI-Popolo della Famiglia”

“Fratelli d’Italia, nel panorama nazionale, si prefigura come l’unica forza di opposizione al governo Draghi ed è normale che coloro che si ritengano incompatibili con il Pd, il M5S e il partito di Renzi scelgano il nostro movimento come loro casa naturale. Benvenuto al consigliere Antonio Baldini, da sempre vicino agli ideali e ai valori di Fratelli d’Italia, che da oggi entra a far parte della nostra comunità e del nostro gruppo consiliare. Insieme lavoreremo, come opposizione patriottica e propositiva, per tutelare i modenesi dalle scelte completamente avulse dai reali bisogni dei cittadini, che l’Amministrazione Muzzarelli continua a compiere”, conclude Ferdinando Pulitanò, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento