Pressing per la riduzione della Tari, il dibattito in Consiglio Comunale

La proposta della Lega, bocciata, è stata sostituita da quella del Partito Democratico sullo stesso tema

Sollecitare il Governo e gli enti che si occupano dei servizi ambientali perché finanzino gli sconti della Tari, la tassa sui rifiuti, a favore delle aziende colpite dal lockdown. E' questo il contenuto sintetico della l’ordine del giorno proposto dal Pd, e approvato dal Consiglio comunale di Modena, nella seduta di giovedì 18 giugno, col voto a favore dei gruppi di maggioranza (Pd, Verdi, Sinistra per Modena, Modena civica), del Movimento 5 stelle, di Forza Italia e di Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia. Astenuta Lega Modena.

L'iniziativa era stata presa qualche giorno dalla Lega Modena, con un ordine del giorno a firma di Beatrice De Maio: come di prassi il documento proveniente dall'opposizione è stato bocciato dalla maggioranza (voto contrario di Pd, Sinistra per Modena, Verdi e Modena civica; a favore Lega Modena, Movimento 5 stelle, Forza Italia e Fratelli d’Italia – Popolo della famiglia) per essere sostituito con un testo diverso proposto dal Partito Democratico 

Il documento del Pd, presentato da Marco Forghieri, parte dal presupposto che “a causa della chiusura o della riduzione delle attività delle aziende dovuta all’emergenza sanitaria, anche il volume dei rifiuti prodotti è notevolmente diminuito”. Il Comune ha una competenza limitata nella determinazione della tariffa, stabilita in base al Piano economico e finanziario di Atersir, l’autorità competente sul costo del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani. L’ordine del giorno, quindi, invita l’Amministrazione a sollecitare il Governo, attraverso l’Anci, a intervenire “a favore dei Comuni che dispongono variazioni di bilancio per ridurre il peso della Tari”. Allo stesso modo, ha sottolineato il consigliere, si chiede di rivolgersi agli enti a vario titolo coinvolti nell’erogazione del servizio, come il gestore Hera, l’Agenzia regionale per i servizi idrici e i rifiuti, Atersir, e l’autorità nazionale di regolazione per energia, reti e ambiente, Arera, per trovare “le coperture economiche per finanziare sconti, per titolari di attività produttive, per il periodo di chiusura”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche l’ordine del giorno di Lega Modena, presentato da Beatrice De Maio, domandava al Comune di farsi portavoce con Hera e Atersir, quindi il gestore del servizio e l’Agenzia regionale che sovrintende allo stesso, per ottenere “una riduzione della tariffa per gli esercizi commerciali per il periodo di riduzione dell’attività”, visto che il calo di lavoro nel periodo più acuto del lockdown ha comportato “un calo dei rifiuti prodotti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piatto dell'anno 2021, Massimo Bottura sperimenta e vince ancora

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Contagi, 123 casi nel modenese: 2 in Terapia Intensiva. Quattro decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento