rotate-mobile
Politica

Elezioni provinciali, le tre liste in campo confermano lo scenario degli ultimi anni

Il 18 dicembre votano 700 tra sindaci e consiglieri comunali. Dalle candidature non muta lo scenario politico

Saranno tre le liste per l’elezione del Consiglio provinciale di Modena, in programma il 18 dicembre, quando voteranno oltre 700 elettori, tra sindaci e consiglieri comunali; saranno eletti i 12 componenti del Consiglio provinciale che rimarrà in carica due anni; il Consiglio uscente era stato eletto nel 2018 (il voto lo scorso anno è stato rinviato causa pandemia) insieme al presidente che resta in carica invece quattro anni. Sono eleggibili alla carica di consigliere i sindaci e i consiglieri comunali.

Le liste presentate nel fine settimana all'Ufficio elettorale della Provincia sono di fatto lestesse che hanno caratterizzato la vita litica dell'ente negli ltimi anni, dopo la riforma. C'è il centrosinistra a guida Pd con  “Insieme per una nuova provincia” che candida a consigliere Gian Carlo Muzzarelli, Guerzoni Paola, Iacopo Lagazzi, Maurizia Rebecchi, Stefano Muzzarelli, Monja Zaniboni, Luigi Zironi, Stefania Benassi, Giovanni Gargano, Maria Costi, Fabio Poggi e Veronica Campana; il centrodestra con “Unione Modena Civica-Uniamoci” candida Luigia Santoro, Lavinia Zavatti, Luca Rangoni, Maria Chaira Venturelli, Antonio Platis, Alessia Trevisi, Stefano Venturini, Rosamaria Carmignano, Marco Rubbiani; la sinistra progressista si presenta con i "Civici, ecologisti e progressisti. Per una Provincia della sostenibilità” e candida a consigliere Chiara Asti, Claudia Bellucci, Alessandro Di Bona, Simone Ganzerli, Camilla Scarpa e Mattia Veronesi.

Nelle liste nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore al 60 per cento del numero dei candidati, come prevede dalle legge di riordino delle Province che tutela la parità di genere. Per le liste all’elezione del Consiglio, composte da almeno sei candidati (massimo 12, quanti saranno i consiglieri provinciali) erano necessarie 36 firme, sempre di aventi diritto.

Il corpo elettorale provinciale di Modena è suddiviso in sei fasce demografiche al fine di proclamare gli eletti con il metodo del voto ponderato che assegna un peso diverso ai comuni a seconda del numero di abitanti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni provinciali, le tre liste in campo confermano lo scenario degli ultimi anni

ModenaToday è in caricamento