Anche a Modena la mozione per intitolare una strada a Norma Cossetto

Iniziativa della Lega in città, ma anche di altri gruppi consiliari in vari comuni modenesi. La studentessa istriana, medaglia d'oro al valor civile, fu uccisa in una foiba nel 1943

Nei giorni scorsi è stata depositata anche a Modena una mozione per chiedere al Sindaco ed al Consiglio Comunale di intitolare una piazza o una via di Modena a Norma Cossetto, la studentessa istriana arrestata da sedicenti partigiani titini il 27 settembre 1943 a Parenzo, seviziata e poi gettata a morire in una foiba.

La mozione porta già la firma di 8 consiglieri: la leghista Beatrice De Maio, che è la proponente, insieme ai colleghi della Lega e a Giacobazzi di Forza Italia. "Sono certa che altri potranno unirsi nel sostegno alla mozione - commenta la De Maio - per dare il giusto omaggio a Norma Cossetto non solo come  vittima dell’odio anti italiano, che dal 1943 al 1945 sfociò nell’orrore di migliaia morti, ma come esempio del  sacrificio di tante donne vittime di violenza, discriminazione e sopraffazione. L'auspicio é che  il dibattito sul riconoscimento del valore universale di questo sacrificio di una giovane italiana innocente avvenga in un clima di serenità e rappresenti quel riconoscimento di memoria storica condivisa che abbiamo il dovere, storico e morale, di tramandare ai nostri figli". 

Norma Cossetto, in un primo tempo tradotta nella ex caserma della Guardia di Finanza, poi trasferita in isolamento nella scuola di Antiniana adattata a carcere, venne sottoposta a orrende sevizie e stupri dai suoi carcerieri, come riferito da una testimone che vide la povera giovane legata distesa e nuda su un tavolaccio dell’improvvisata cella. Successivamente la giovane, nella tra il 4 e 5 ottobre 1943, venne condotta a piedi a Villa Surani, legata con fil di ferro ad altri prigionieri, e fu gettata ancor viva a morire in una foiba.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'iniziativa nel capoluogo non è isolata, ma è stata portata avanti anche nei maggiori comuni della provincia - tra cui Carpi, Formigine, Castelfranco Emilia, ecc - su impulso dei gruppi consigliari delle formazioni di destra locale, nonchè su invito del Comitato 10 Febbraio che dal 2004 si occupa della memoria dei fatti del confine orientale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Altri quattro casi nelle scuole. Classi in isolamento a Modena, Carpi e Castelfranco

  • Vintage e Second Hand | 4 negozi di pezzi d'abbigliamento unici e pregiati a Modena

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Castelvetro, ciclista di 27 anni esce di strada e perde la vita in via Bionda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento