Politica

Anche Modena avrà il suo Hospice Territoriale. Si individua Villa Montecuccoli

E' stata approvata la proposta presentata dal Pd di creare un Hospice Territoriale anche nel modenese. L'idea è stata approvata integrato dagli emendamenti del sindaco, che individua villa Montecuccoli come possibile collocazione

Realizzare a Modena un hospice territoriale che completi l’assistenza domiciliare integrata e rafforzi la rete delle cure palliative con l’obiettivo di dare una risposta a tutte le persone che, per motivi di assistenza familiare o di gravità della loro condizione, non possono essere assistiti a domicilio. Lo chiede l’ordine del giorno presentato dal Pd e approvato all’unanimità dal Consiglio comunale lunedì 4 giugno. Il documento, come proposto in un emendamento del sindaco Gian Carlo Muzzarelli approvato all’unanimità dall’assemblea, individua come collocazione possibile per la nuova struttura villa Montecuccoli a Baggiovara sulla quale verrà approfondito un progetto per il recupero e la valorizzazione.

L’ordine del giorno, presentato in aula da Simona Arletti (Pd), è stato approvato dopo essere stato integrato con altri due emendamenti presentati dal Movimento 5 stelle, che invitava la Giunta a individuare come sede per l’hospice una struttura esistente da rigenerare o un luogo avente destinazione d’uso idonea, e da Art.1-Mdp-Per me Modena che sottolineava come le strutture sanitarie “sono un servizio essenziale a cui deve far fronte integralmente lo Stato attraverso il Servizio sanitario nazionale e regionale” e che “l’encomiabile e preziosissimo lavoro dei volontari, dei singoli e delle imprese non va inteso in alcun modo come sostitutivo delle essenziali strutture del Servizio sanitario nazionale che deve tornare a essere finanziato in modo adeguato”.

Come ha ricordato la consigliera Arletti nella presentazione, già nel 2010, dopo l’approvazione della legge per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore, un ordine del giorno del Consiglio chiedeva il potenziamento delle strutture esistenti e che anche lo scorso anno un nuovo ordine del giorno affermava che “le cure palliative sono una questione urgente e di grande importanza sociale per portare sollievo dalla sofferenza dei malati gravi”. Il documento evidenzia anche che l’obiettivo delle cure palliative è dare qualità e dignità alla vita del malato fino alla fine: le cure palliative affiancano i pazienti e i familiari nel percorso di consapevolezza di diagnosi e prognosi, e di accettazione della fase avanzata della malattia e sono di sostegno e aiuto nelle scelte terapeutiche.

La rete di assistenza integrata opera con equipe multiprofessionali in ospedale, a casa del paziente e negli hospice, che a Modena sono due: uno, oncologico, al Policlinico e uno, aperto dallo scorso anno, a Baggiovara. L’hospice garantisce assistenza a livello residenziale, in un ambito confortevole e simile alla casa, a pazienti che richiedono cure specialistiche palliative continue per il trattamento di sintomi e fasi critiche della malattia, attraverso un ricovero che può anche essere temporaneo. Modena, che ha una ricca e ben funzionante rete di assistenza domiciliare, è l’unico capoluogo a non avere ancora un hospice territoriale e il rafforzamento della rete delle cure palliative secondo i modelli in vigore nelle altre province della Regione Emilia-Romagna è stato richiesto, come evidenziato nell’ordine del giorno, dal neo comitato Hospice Modena onlus.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche Modena avrà il suo Hospice Territoriale. Si individua Villa Montecuccoli

ModenaToday è in caricamento