menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il papà del piccolo Alfie incontra Papa Francesco grazie alla mediazione del vescovo di Carpi

Mons. Cavina ha fatto da collegamento tra la famiglia di Liverpool e il Vaticano, organizzando l'incontro che vuole mantenere vive le speranze per il bambino affetto da una malattia neurodegenerativa

Il padre del piccolo Alfie, Thomas Evans, impegnato con la moglie in una battaglia legale per impedire che il bimbo di 23 mesi venga staccato dalle macchine che lo tengono in vita, ha incontrato ieri mattina Papa Francesco prima dell'udienza in piazza San Pietro. Un ruolo fondamentale in questo incontro è stato quello di mons. Francesco Cavina, vescovo di Carpi, che ha fatto da mediatore tra la famiglia britannica e la Santa Sede.

Sul profilo social del papà ci sono scatti che documentano l'incontro. "Alfie, faremo qualsiasi cosa per te. Tu non stai morendo e perciò non permetteremo che ti tolgano la vita. Santità, salvi nostro figlio", scrive il padre del bimbo britannico per il quale oggi il Papa ha rivolto un nuovo appello. Il papà scrive ancora di "non aver dormito, non aver mangiato e non essersi messo la cravatta né preparato e di essere saltato ieri sera su un aereo per  venire a Roma e incontrare il Papa".“

"Il Papa ci ha chiesto: portatelo qui!", afferma il padre del bambino inglese di 23 mesi affetto da una malattia neurodegenerativa. "Noi vogliamo venire qui, vogliamo che Alfie sia trasportato in Italia dove tutti gli vogliono bene", ha riferito il padre di Alfie assicurando che suo figlio "non sta per morire, è molto stabile, ed è pronto per volare in Vaticano dove la gente, i dottori e l'ospedale lo vogliono".“

Il Pontefice ha lanciato un nuovo monito, sia per Alfie che per il francese Vincent Lambert, 41 anni, da dieci in stato vegetativo, sul cui destino si è consumata una battaglia legale fra i familiari. "Attiro l'attenzione di nuovo per Alfie e per Vincent Lambert: vorrei ribadire e fortemente confermare - dice il Papa a braccio al termine dell'udienza generale - che l'unico padrone della vita, dall'inizio alla fine naturale, è Dio e nostro dovere è fare del tutto per custodire la vita. Pensiamo in silenzio e preghiamo perché sia rispettata la vita di tutte le persone e specialmente di questi due fratelli nostri. Preghiamo in silenzio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni anti-Covid, si apre la prenotazione per i 60-64enni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento