Regionali. Il M5S ha votato online: correrà e avrà un proprio candidato

In 27.273 si sono espressi ieri sulla piattaforma Rousseau indicando la volontà di prendere parte alle elezioni di Emilia-Romagna e Calabria, a dispetto delle indicazioni deli vertici del partito che preferivano una pausa. Bonaccini: “Errore andare da soli”

Gli iscritti alla piattaforma Rousseau dicono 'no' alla pausa elettorale in occasione delle prossime regionali in Emilia Romagna e in Calabria. Il M5s parteciperà dunque alle competizioni elettorali nelle due regioni, previste per il 26 gennaio. I Si' sono stati 8.025 corrispondenti al 29,4% dei votanti. I No sono stati 19.248 corrispondenti al 70,6%. Sono state espresse 27.273 preferenze su un totale di 125.018 aventi diritto al voto. La votazione è stata certificata dal Notaio che ne ha garantito la regolarità.

Luigi Di Maio in un post su facebook in cui commenta il voto su Rousseau ha aggiunto che "adesso, con questo segnale forte da parte dei nostri iscritti c'è solo una cosa da fare: mettersi pancia a terra e dare il massimo per queste due regioni. Tutti i nostri parlamentari nazionali ed europei, tutti i nostri consiglieri regionali e comunali hanno il dovere di dedicare ogni minuto libero, della settimana e del week end, alla Calabria e all'Emilia Romagna. Non so che risultato raggiungeremo, ma come sempre io saro' in prima linea e non mi risparmierò. Ogni singolo portavoce, ogni singolo attivista, ogni singola persona che crede nei nostri valori è chiamato a mettersi in gioco". 

Il leader del M5s aggiunge che adesso c'è "bisogno di tutti, di tutte le vostre idee, della vostra partecipazione, di qualsiasi contributo per le elezioni del 26 gennaio. Non abbiamo paura, nè del risultato delle elezioni, nè tantomeno di chiedere l'opinione dei nostri iscritti su Rousseau, che ci accompagnano in questa avventura iniziata 10 anni fa. L'unica cosa che temiamo è la mancanza di partecipazione, ma oggi ci avete fatto sentire che non siamo soli. Siamo qui per servire i cittadini sempre, fosse anche solo per mettere un portavoce dentro le istituzioni, perchè informerà le persone e parlerà con i cittadini che ci chiedono soluzioni. Per noi la politica è questo. La settimana prossima individueremo i candidati presidenti".

La candidatura autonoma dei pentastellati non convince Bonaccini, candidato del cemtrosinistra, che aveva aperto un dialogo nel tentativo di allargare la coalizione anche in quella direzione. "Io lavoro a un progetto per l'Emilia-Romagna condiviso da un centrosinistra largo e da tante esperienze civiche, alcune delle quali ci hanno persino battuto alle recenti amministrative, ma vogliono stare con me in questo uovo progetto. E io sono convinto di poter vincere", ha commentato il presidente.

"I 5Stelle - agguìiunge Bonaccini - sono ovviamente liberi di scegliere cosa fare, ci mancherebbe. Resto convinto sia un errore sottrarsi a un confronto su programmi e idee per l'Emilia-Romagna, anche alla luce dei temi che abbiamo condiviso nella legislatura e soprattutto negli ultimi mesi, dai diritti civili e sociali all'ambiente e alla strategia plastic free. E mi sembra piuttosto chiaro che qui la scelta per chi governerà l'Emilia-Romagna sarà fra il sottoscritto e la Borgonzoni". 

(fonte DIRE)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

  • Neve su tutta la provincia, viabilità a rilento. Spargisale sulle strade provinciali

  • La Polizia gli sequestra l'auto, lui entra di notte nel deposito e la riprende. Denunciato

Torna su
ModenaToday è in caricamento