Calcio, Serie B: Bernacci e De Vitis sono del Modena

Dopo quasi un mese è finalmente arrivata la notizia ufficiale dacquisti da parte del Modena di Marco Bernacci e Alessandro De Vitis. La rosa sta piano piano definendosi mentre si avvicina la partenza per il ritiro

Dopo le buone notizie societarie arrivano anche ottime notizie di mercato: il ds Fausto Pari sta gradualmente completando la rosa per affrontare l’attesissimo anno del centenario. Oggi dopo una lunga attesa sono finalmente arrivate le ufficialità di Marco Bernacci e Alessandro De Vitis; il primo, che in passato ha dimostrato di saper giocare, è reduce da un’annata particolare, infatti, dopo aver giocato la prima di campionato lo scorso 26 agosto col Torino, ha deciso di abbandonare momentaneamente il mondo del calcio. Per molto tempo si è pensato alla depressione come causa di questa decisione, ultimamente lo stesso giocatore ha smentito queste voci parlando di un senso di insofferenza e stanchezza verso l’ambiente calcistico. Ora però è pronto a ritrovare le sue qualità e contento di essere in gialloblù. Per Bergodi sarà l’ennesima sfida, l’ennesimo calciatore da rilanciare ma si sa, di solito queste sfide le vince. Il secondo è invece un giovanissimo, classe 1992, prelevato dal Parma con la formula del prestito con diritto di riscatto e contro-riscatto. Figlio d’arte, è un centrocampista dalle ottime prospettive tanto che qualcuno ha azzardato addirittura definendolo “il nuovo Lampard”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Covid a Modena: scendono rispetto a ieri i nuovi casi. Ancora 11 i decessi

  • Conferma dal Ministero, l'Emilia-Romagna torna in "zona gialla"

  • Coronavirus, risalgono i numeri in regione. A Modena quasi 500 casi

Torna su
ModenaToday è in caricamento