menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sambenedettese - Carpi 5-1 | Il Carpi dura mezz'ora, poi la Samb si scatena

Mastour illude i biancorossi che poi naufragano sotto il peso di cinque gol. Male la prima di mister Foschi

Dopo ventinove anni il Carpi perde di nuovo in casa della Samb con quattro gol di scarto. Allora – nel ’92, fu 4-0, stavolta è 5-1. E’ passata solo una settimana dal 4-2 al pur modesto Ravenna, sembra invece passato un secolo. Il Carpi, dopo essersi illuso con Mastour  in gol passata una decina di minuti,  naufraga a San Benedetto sotto il peso di cinque gol, peggior risultato stagionale. Ci vuol poco, tra l’altro. L’ultima volta che gli annali hanno registrato una debacle simile fu a Roma, contro i giallorossi, il 26 settembre 2015. Giusto per sottolineare la rarità dell’evento, che arriva al termine di una settimana piena di colpi di scena, lo 0-1 di Macerata contro il Matelica, l’esonero di Pochesci e l’arrivo del nuovo tecnico Foschi. Nonostante le parole del ds Mussi alla vigilia (“Esonero? E’ una storia lunga che arriva da lontano”), restano le perplessità su una mossa, per giunta alla vigilia di un ciclo di ferro (nove gare in poco più di trenta giorni).

Per fortuna la classifica non è drammatica (sei punti di margine sulla Vis Pesaro in zona playout e due gare in meno), sta adesso ai biancorossi ricompattarsi e tornare a far punti, alla vigilia di un doppio confronto casalingo (nercoledì contro la Feralpi e lunedì 1 febbraio contro il Mantova), per scacciare l’incubo di essere risucchiati in basso.

LA CRONACA – Illusione Carpi al 10’: Mastour, dai e vai con Ghion sulla destra, poi l’ex Reggina si trova tutto solo davanti a Nobile e lo batte con un preciso rasoterra. Il Carpi è pure sfortunato, quando la traversa dice di no a De Cenco (19’), oppure quando lo stesso De Cenco sfiora il “sette” con un bel sinistro. Il pareggio rossoblù al 34’ con una conclusione di Cristini, ben servito da Nocciolini e mal controllato da De Cenco. Pressione Samb, traversa al 38’ di Lescano e vantaggio dei ragazzi di Zironelli su lancio di Angiulli, “dormita” di Marcellusi (titolare oggi dopo 90’ in panca a Macerata), e botta terrificante di Lescano che manda al riposo sul 2-1 le due squadre.

Nella ripresa, all’8’, da un fallo di Gozzi nasce la punizione da 30 metri che Angiulli trasforma di sinistro, grazie all’involontaria collaborazione della barriera e di Rossini. Il risultato si allarga ancora di più. Errore di Lomolino in appoggio a Sabotic, Lescano è più lesto nell’anticipo e nel depositare in rete col piede mancino. Il quinto e ultimo gol di una giornata da dimenticare è di Masini, terminale offensivo di una bella combinazione rifinita (col tacco) da Bacio Terracino. Sipario. 

GOL:  11’ Mastour, 34’ Cristini, 42’ Lescano; nel s.t. 10’ Angiulli, 19’ Lescano
SAMBENEDETTESE (3-4-1-2): Nobile; Cristini (13’ st Biondi), D’Ambrosio, Enrici; Masini, Mawuli (8’ De Ciancio), Angiulli (31’ st D’Angelo), Trillò 13’ st Liporace); Botta; Nocciolini (31’ st Bacio Terracino), Lescano.  In panchina: Laborda, Fusco, Chacon, Di Pasquale, Goicoechea, Mehmetaj, Serafino. All.: Zironelli.
CARPI (3-4-1-2): Rossini 5; Sabotic 5,5, Gozzi 4, Ercolani 5,5; Marcellusi 5 (14’ st Bayeye 5,5), Fofana 5,5, Ghion 5,5, Lomolino 5 (20’ st Ceijas 5); Mastour 6 (28’ st Bellini s.v.); De Cenco 5,5, Giovannini 5 (14’ st Ferretti 5,5). In panchina: Pozzi, Cavazza, Danovaro, Marino, Motoc, Offidani, Salata, Venturi. All.: Foschi 4,5.
ARBITRO: Giordano di Novara (assistenti Massimino e Gualtieri; quarto ufficiale Moriconi). 
NOTE: ammoniti Trillò, Ghion, Cristini, Gozzi, Ceijas. Recupero 2’, 3’.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento