Cie: il punto sulla situazione in attesa del nuovo Prefetto

Nelle mani di Michele Di Bari, dal primo di agosto, la difficile decisione sulla chiusura del Cie. Sono ormai molti gli indizi che collimano verso una cessazione dell'attività, anche solo temporanea, del centro ormai divenuto ingestibile

Forse ancora qualche settimana, o più, prima di vedere accostare i cancelli, seppur temporaneamente per lavori, del Centro identificazione ed espulsione sotto la Ghirlandina. Cambio ai vertici in Prefettura, dal primo agosto arriva a Modena Michele Di Bari, nuovo prefetto nominato venerdì scorso dal Consiglio dei ministri, che sostituirà il vicario Mario Ventura. Ed è facile pensare che quest'ultimo non si prenderà certo la responsabilità di chiudere la struttura proprio agli sgoccioli del suo breve mandato, durante il quale per circa un mese ha svolto le funzioni del prefetto Benedetto Basile, ex inquilino del Palazzo del governo in viale Martiri, andato in pensione a fine giugno. 

Sull'eventuale chiusura temporanea del Cie, si era espresso nei giorni scorsi il senatore del Pd Stefano Vaccari, il quale aveva confermato contatti tra la Prefettura di Modena e il Ministero degli Interni proprio in quest'ottica. Anche Desi Bruno, garante regionale dei diritti dei detenuti, ha più volte sostenuto che il Cie di Modena ha bisogno di interventi, soprattutto per assicurare un dignitoso livello igienico-sanitario.

Si tratta di capire, quindi, se il nuovo prefetto prenderà in mano la situazione fin dai primi giorni di lavoro, o se la decisione verrà rimandata a data da destinarsi, considerato che c'è chi sostiene che gli eventuali lavori bloccherebbero il Cie per almeno 60 giorni. Di Bari si troverà a dover affrontare subito una vicenda che ogni giorno si sta complicando sempre di più.  

Infatti, oltre ai danni interni al Cie, aumentati in seguito all'ultima rivolta dei trattenuti, la gestione del consorzio l'Oasi è al centro di due indagini richieste dal gip Paola Losavio, per monitorarne le condizioni di vita all'interno, e di un'indagine richiesta all'Ausl proprio dalla garante Desi Bruno, che durante la sua ultima visita ha verificato di persona condizioni igienico-sanitarie ben sotto la soglia. I risultati di queste indagini potrebbero portare allo straccio della convenzione con l'Oasi e alla fine della sua gestione, così come è avvenuto a Bologna qualche mese fa.

Infine, rimane aperta la questione relativa al futuro dei dipendenti, 30 in tutto, esclusi vicedirettore e direttore, per i quali proprio oggi la Cgil di Modena ha concluso un accordo con il consorzio sulla cassa integrazione in deroga a rotazione, per i mesi di agosto e settembre. In sostanza, tolti i 5 infermieri che continueranno a lavorare a pieno ritmo, gli altri dipendenti staranno a casa a turno. 

Il problema rimane sempre quello del principio al massimo ribasso nell'assegnazione dell'appalto per la gestione della struttura. Ne ha parlato anche il sottosegretario agli Interni, Domenico Manzione, che pochi giorni fa ha sottolineato come una base d'asta così bassa ha prodotto una forma di distorsione con conseguenti problemi per chi gestisce i Cie, aprendo ad una riflessione generale sul funzionamento delle strutture. (Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Tortellini e gnocco fritto nel cuore della City, "Bottega Modena" sbarca a Londra

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • Salvini arriva a Modena, Anche sotto la Ghirlandina scatta la mobilitazione delle "sardine"

  • L'acqua filtra nelle cisterne, automobilisti in panne al distributore

Torna su
ModenaToday è in caricamento