rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Attualità

Lavoro nero, l'Emilia è prima in Italia per numero di lavorarori irregolari

Lo certifica il Report dell'INL- Ispettorato Nazionale del Lavoro sui dati dell'anno scorso. Trasporti, servizi e attività immobiliari i settori più critici

E' stato pubblicato ne i giorni scorsi il Report dell'INL-Ispettorato Nazionale del Lavoro che contiene gli esiti delle attività ispettive dell'anno passato. Una relazione pesantissima sul riscontro del lavoro irregolare, non certo per le 257 pagine di dati e valutazioni, ma per gli esiti di una preziosa vigilanza ispettiva che a livello nazionale è entrata in circa 85mila imprese, rilevando irregolarità nel 69% dei casi e con un durissimo incremento che si scarica sulle spalle delle lavoratrici e dei lavoratori: un anno appena trascorso che ha visto un +17% nelle irregolarità previdenziali/pensionistiche e un ben +42% per illeciti assicurativi.

Ispezioni che hanno permesso di passare ai raggi x la situazione di circa 172.000 lavoratori in tutto il Paese, dei quali ben il 26% erano occupati "in nero".

Tra i dati che più interessano il nostro territorio ve ne è uno in particolare che desta non poca preoccupazione e meglio che in altri territori riesce a fotografare la situazione del sommerso: il numero totale di lavoratori irregolari scoperti durante le ispezioni.

La classifica dei "tassi di irregolarità riscontrati" ci vede al 62,5% ed al di sopra della media nazionale, superando Campania, Lazio, Piemonte, Puglia. I settori produttivi che in Emilia Romagna presentano il più elevato tasso di irregolarità nel lavoro, sono così riportati: Trasporto e Magazzinaggio con il 74,2%; poi Servizi, Ristorazione e Alloggi intorno al 73%; attività Immobiliari con 72,7% e il 62,3% nell'Industria manifatturiera. 

Dai dati precedenti deriva quindi la mappa regionale per il "numero dei lavoratori vittime delle violazioni accertate". L'Emilia Romagna è la prima regione con 6.521 dipendenti colpiti. E dopo ci sono Lombardia, Lazio e Campania.

Il Report evidenzia anche il riscontro delle imprese che sfruttano il "ricorso fittizio alle tipologie contrattuali, dei tirocini formativi e dell'apprendistato". Tali violazioni si concentrano in Sardegna per il 25% e subito al secondo posto in Emilia Romagna col 24,5%. I reati sul lavoro più 'moderni', quali le "illecite esternalizzazioni" e soprattutto "distacchi transnazionali" fittizi/fasulli, che si basano su pratiche illegali per la delocalizzazione, anche verso Paesi stranieri di pezzi di impresa vedono la nostra regione al quarto posto dopo Campania, Lombardia e Veneto.

Sul fronte delle coop fasulle/spurie le ispezioni hanno riscontrato a livello nazionale un tasso di irregolarità del 69%. In Emilia Romagna questo tasso vergognoso sale al 72% delle coop ispezionate, rilevando il 33,9% di lavoratori irregolari e con una fuga di ben 3,96 milioni sui mancati versamenti previdenziali.

"Dati pesanti che colpiscono l'intera società emiliano-romagnola, la nostra sana economia e la legalità, perché spingono alle truffe evasive fiscali e, a seguire, al riciclaggio, aprendo porte agli investimenti malavitosi e mafiosi - commenta il sindacalista Cgil Franco Zavatti, che da sempre segue gli aspetti della legalità connessi al mondo del lavoro - Il lavoro irregolare e illegale non può restare un problema prevalente solo per il sindacato che, ogni giorno, si scontra con i tristi problemi dei lavoratori vittime di sfruttamento in nero, o sottopagato, con l'evasione dei contributi che darebbero la sacrosanta pensione, invece colpita. L'attuale campagna elettorale dovrebbe concentrarsi ben di più su questi pezzi neri di realtà, specie in questi nostri territori".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro nero, l'Emilia è prima in Italia per numero di lavorarori irregolari

ModenaToday è in caricamento