rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Attualità

Linea Verde a Modena tra motori e Lambrusco

Beppe Convertini e Peppone alla scoperta di una zona molto precisa e circoscritta: 35 km tra Modena e Reggio Emilia immaginando di riempire, tappa dopo tappa, un “paniere” di vivande e prodotti fortemente rappresentativo, una sorta di invito gustoso rivolto a un ideale turista straniero

Domenica 28 maggio, a seguito di un rinvio, il noto programma televisivo Linea Verde fa tappa nel territorio modenese. Beppe Convertini e Peppone sono infatti partiti in questa puntata alla scoperta di una zona molto precisa e circoscritta: solo 35 km tra Modena e Reggio Emilia immaginando di riempire, tappa dopo tappa, un “paniere” di vivande e prodotti fortemente rappresentativo, una sorta di invito gustoso rivolto a un ideale turista straniero.

"Trattandosi di un luogo geografico che si lega alla storia d’Italia dei motori, la cosiddetta “Motor Valley” dei costruttori dei grandi marchi famosi nel mondo, il viaggio non poteva che iniziare a bordo di una macchina da corsa d’epoca. Alla guida della famosa Barchetta Stanguellini del 1948,  Francesca Stanguellini, nipote di  nonno Vittorio che proprio con Enzo Ferrari mosse i primi passi, ci racconta come la motorizzazione del modenese sia storicamente nata e si sia sviluppata proprio per l’esigenza di meccanizzare il lavoro dei contadini."

Tra Spilamberto di Modena, Castelvetro, Ghiardo di Bibbiano, Roncolo, la stessa Modena, gli appuntamenti seguono un fil rouge che mai come in questa puntata è davvero rosso. Ad accompagnare infatti le varie soste sarà il Lambrusco, il vino protagonista sulle varie tavole. Non il Lambrusco banalmente e genericamente etichettato fino a ieri come il caratteristico vino frizzante dell’Emilia, ma i vari Lambrusco oggi declinati nelle 6 denominazioni Doc che il Consorzio di Tutela promuove nella rinnovata accezione di un vino enormemente cresciuto per qualità e reputazione nel grande sistema vitivinicolo italiano.

"Gli incontri di Convertini e Peppone in questo viaggio emiliano sono tutti dei doverosi “must”: l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena;  il Parmigiano Reggiano che restituisce la fragranza e gli odori delle stagioni che differenziano il foraggio delle mucche; la varietà dei salumi accompagnati dal caratteristico gnocco fritto e dalle tigelle, le ricette classiche come i tortelloni, le fettuccine bolognesi ma anche le polpette di pane su un letto di zabaione, invenzione nientemeno che di Luciano Pavarotti, riproposta dallo chef Luca Marchini nello storico mercato Albinelli di Modena.

Altro tema toccato in questo appuntamento con Linea Verde è quello dell’inclusione nelle discipline sportive e del superamento delle disabilità. Ce ne parlano la stessa Francesca Stanguellini e l’ex campionessa azzurra di sci Barbara Milani. Infine un cammino “matildico” sulle orme di Matilde di Canossa, percorso dall’infaticabile Francesco Gasparri."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Linea Verde a Modena tra motori e Lambrusco

ModenaToday è in caricamento