rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Attualità

Peste suina, in regione arrivano 10 milioni di euro per la biosicurezza

Oggi in Provincia un incontro con l'assessore Mammi e le associazioni delle categorie interessate

"Occorre attivare immediatamente tutte le precauzioni per prevenire la diffusione della peste suina africana che può causare gravi danni ai nostri allevamenti suini e a tutta la filiera che nel modenese è un settore fondamentale". Lo ha affermato il presidente della Provincia di Modena Fabio Braglia, nel corso dell’incontro promosso dalla Provincia martedì 13 marzo, con l’Assessore regionale Alessio Mammi e con i dirigenti responsabili degli assessorati Agricoltura e Politiche della Salute, in merito all’evolversi della diffusione del virus della peste suina africana sul territorio regionale.

All’incontro erano presenti anche rappresentanti delle amministrazioni comunali del territorio, le associazioni venatorie e agricole, numerose associazioni di categoria, l’Ente gestione parchi Emilia centrale, sindacati,  consorzi e i consiglieri regionali Luca Sabbatini, Giulia Pigoni, Luca Cuoghi e Francesca Maletti.

Per l’assessore regionale Mammi "la priorità della Regione, in questo momento, è quella di scongiurare il rischio di impatti negativi su intere filiere produttive, legate direttamente e indirettamente all’attività suinicola. A questo proposito abbiamo stanziato quasi dieci milioni di euro per la biusicurezza territoriale e intendiamo attivare anche qui una cabina di regia operativa per coordinare le attività di miglioramento dei livelli di sicurezza e per l’eradicazione del cinghiale, come già in corso nelle zone più a rischio come Parma e Piacenza. L’obiettivo – ha concluso Mammi – lo raggiungeremo solo agendo tempestivamente e in maniera sinergica e coordinata con tutti i soggetti che operano nei diversi contesti".

"Vista la presenza di cinghiali sul territorio modenese – ha aggiunto Braglia – potenziale veicolo dell’infezione, occorre mettere in campo le azioni per proteggere gli allevamenti e impedire la diffusione della malattia; è un problema assolutamente da non sottovalutare perché porta al blocco delle esportazioni delle carni e dei derivati con possibili enormi danni all’economia modenese. Anche i cittadini possono dare il proprio contributo".

La Regione Emilia-Romagna ha istituto il numero telefonico 051 6092124 per segnalare ai servizi veterinari dell’Ausl un cinghiale morto o i resti del cinghiale stesso (la sua carcassa, oppure le ossa) chiamando il numero telefonico.

La peste suina africana, di tipo virale, non colpisce l’uomo, ma i suini e i cinghiali ed è altamente letale negli animali colpiti; non esiste alcun trattamento o vaccino ed è responsabile di pesanti conseguenze economiche dovute ai costi di eradicazione e al blocco delle esportazioni di prodotti italiani di eccellenza. Il materiale cartaceo della campagna informativa è disponibile nelle sedi dei servizi veterinari, nelle sezioni provinciali dell’Istituto Zooprofilattico sperimentale Lombardia e Emilia-Romagna e nei centri visita di parchi e aree protette.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Peste suina, in regione arrivano 10 milioni di euro per la biosicurezza

ModenaToday è in caricamento