rotate-mobile
Giovedì, 25 Aprile 2024
Attualità Sassuolo

Sassuolo riabbraccia il Teatro Carani: 400 artisti in 9 giorni di spettacoli ed eventi

Si chiude la prima settimana di inaugurazione con più di 7000 spettatori e 400 artisti in 9 giorni di spettacoli ed eventi

Si chiude con un record di presenze la prima settimana di programmazione del Teatro Carani di Sassuolo, riaperto dopo quasi dieci anni di chiusura lo scorso 2 marzo. La sala di via Mazzini ha visto più di 7000 spettatori assistere a 11 spettacoli in 9 giorni. In più di 400 hanno calcato le assi del palco tra artisti, musicisti, attori e associazioni, rendendo la città stessa protagonista della rassegna.

“Siamo molto felici — commenta Fabrizio Abbati, direttore del Teatro Carani — dell’entusiasmo con il quale Sassuolo ha accolto la riapertura del teatro. Il Carani riapre con un grande abbraccio collettivo: è quanto di meglio potevamo sperare per un luogo che vuole tornare ad essere il cuore vivo e pulsante della cultura sassolese. Ci tengo a ringraziare ancora una volta tutti gli artisti, le artiste e tutte le associazioni che hanno regalato le loro esibizioni in quest’occasione storica.”

Il programma di appuntamenti è stato inaugurato dal concerto-evento di Nek, nel quale il cantautore sassolese ha ripercorso la storia che lo lega, personalmente, al teatro. Qui, infatti, si esibì per la prima volta con il duo country “Winchester”, fatto rivivere sul palco per l’occasione proprio in apertura del concerto. Il ponte tra passato e presente è poi stato raccolto anche da Leo Turrini e Marco Dieci, che domenica 3 marzo, davanti ad una platea gremita hanno ripercorso insieme a Monica Guidetti, Chiara Casini e Gigi Cervi alcune delle canzoni degli interpreti più iconici che negli anni si sono esibiti al Carani. Nel pomeriggio debutto poi per CaraniKids, la rassegna dedicata al teatro da vivere in famiglia: 600 tra grandi e piccini hanno tributato una accoglienza da stadio per i simpaticissimi “Clown in LIbertà” di Teatro Necessario. Terzo evento della giornata “Aperitivo in Musica”, che ha invece radunato gli appassionati di lirica grazie al Circolo Amici della Lirica di Sassuolo e alle esibizioni di Claudia Rondelli, Valentina Medici e Claudio Ughetti.

f46dae0c-f9d2-3af6-b746-f59af5eb2063

Lunedì 4 si è celebrato il ritorno del cinema al Carani. In attesa della ripartenza della programmazione cinematografica dal prossimo autunno, Francesco Clerici ha tenuto una coinvolgente lezione sul linguaggio cinematografico, in collaborazione con Ennesimo Film Festival. Martedì 5 “Genius Loci” ha offerto al pubblico un ricco affresco di storia cittadina, portato al pubblico dalle associazioni cittadine Forum UTE, Circolo Culturale Artemisia Gentileschi, Associazione Culturale "Gian Paolo Biasin", Non è Colpa Mia, Terra e Identità, Circolo Culturale Sassolese "Quii dal treno dal còc", Circolo pittori sassolesi "Cavedoni" con il coordinamento di Luca Silingardi.

Spazio di nuovo alla musica mercoledì 6 per il concerto sold-out di Alberto Bertoli “Due voci intorno al fuoco”, trasmesso anche in diretta su TRC. Il susseguirsi di duetti virtuali tra Alberto e il padre Pierangelo ha commosso il pubblico del Carani, che ha tributato più di una standing ovation all’artista sassolese.

Venerdì 8, Giornata internazionale della Donna, con “Basta Mimose” il teatro è stato invaso dal colore, energia e poesia portati portati in scena da Ass. H.O.T. Minds, Quinta Parete, STED, Sottospirito, ManiCure, Bandabum con la partecipazione di Annalisa Vandelli, Sandra Cartolari e Alessandra Fogliani. Sabato 9 è stato invece il giorno della musica classica con “Ouverture”, in cui coro, orchestra e solisti hanno donato al pubblico un viaggio tra celebri brani, a cura del Circolo degli Amici della Lirica Sassuolo, Corale G. Puccini, Accademia Filarmonica di Sassuolo. Doppio appuntamento finale domenica 10 con l’applauditissimo concerto “Tra le note del cinema” del Corpo Bandistico La Beneficenza e NonSoloGospel Choir, insieme per la prima volta, e il djset di Charlie Ughetti e Andrea Sarti “Carani Lounge” che ha trasformato la platea del teatro in un dancefloor, chiudendo la prima settimana di programmazione del “nuovo” Carani.

Neanche il tempo però di prendere fiato che subito ripartono gli appuntamenti a teatro: martedì 12 il primo appuntamento della stagione di prosa con “La Mia Vita Raccontata Male” con Claudio Bisio, mentre dal martedì successivo, 19 marzo, prende il via il Sassuolo Jazz Festival con il concerto di Paolo Fresu e Omar Sosa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sassuolo riabbraccia il Teatro Carani: 400 artisti in 9 giorni di spettacoli ed eventi

ModenaToday è in caricamento