rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Navicello / Strada Munarola, 123

Caseificio di Albareto, custode aggredito e preso a bastonate all'alba

Contusioni e fratture per il custode della cooperativa agricola Albalat, che all'alba è stato pestato da un uomo con il volto coperto. L'azienda è meta continua di ladri ed è stata colpita sia da terremoto che alluvione. Solidarietà anche dalla Regione

Ennesimo episodio criminale che coinvolge la sfortunata cooperativa casearia Albalat, in via Munarola ad Albareto. Dopo una lunga tradizione di furti, questa volta si è verificata una violenta aggressione ai danni di un dipendente della struttura, il custode. L'uomo, che abita nelle vicinanze, stava salendo sul proprio mezzo per raggiungere il caseificio, alle 4.30 di questa mattina, quando è stato raggiunto da un uomo con il volto incappucciato.

Il criminale era armato di bastone e lo ha colpito ripetutamente, causandogli contusioni e fratture in diverse parti del corpo, per poi fuggire con un'auto sulla quale lo aspettava un complice. Il lavoratore è stato soccorso da un collega e trasportato al Policlinico di Modena, dove i medici lo hanno curato, stabilendo una prognosi di trenta giorni.

Un gesto sul quale indagano i Carabinieri di Modena e che presenta molti punti oscuri. Difficile infatti capire se si sia trattato di un'aggressione personale premeditata e quali siano i motivi che possono averla generata. Certo è, che il caseificio Albalat non è nuovo a  furti, tentati e riusciti.

Il caso è arrivato fino ai vertici della Regione, da dove gli assessori Caselli e Costi hanno espresso solidarietà alla vittima. Ad esse si  è unita la consigliera regionale,  presidente della Commissione attività produttive, Luciana Serri. “Siamo ad un salto di qualità in un settore, quello agroalimentare, dove già avvengono furti ripetuti di parmigiano reggiano e più recentemente di trattori – hanno detto Caselli e Costi - c’è molta preoccupazione e  l’aggressione odierna assume il sapore di un’intimidazione vera e propria nei confronti di un imprenditore che aveva già denunciato ripetutamente i furti subiti”.  Il caso è stato al centro di un colloquio telefonico tra l’assessore Caselli  e il  prefetto di Modena Michele Di Bari. Proprio presso la Prefettura modenese domani si svolgerà  una riunione interforze alla quale parteciperanno la Regione e i rappresentanti delle Associazioni agricole.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caseificio di Albareto, custode aggredito e preso a bastonate all'alba

ModenaToday è in caricamento