Fermato ogni due giorni per furti e sempre rilasciato, va in carcere grazie all'esame medico

Gli accertamenti auxologici hanno permesso di stabilire la maggiore età di un ragazzo tunisino, che negli ultimi dieci giorni era stato beccato cinque volte dopo vari furti e rapine. Essendo considerato minorenne era sempre stato rilasciato

Si è chiusa con un arresto e il trasferimento in carcere del protagonista una vicenda molto particolare, che ha tenuto impegnate per diverse settimane le forze dell'ordine di Modena. Si tratta della parabola criminale di un giovane immigrato di origine tunisina, che nel mese di marzo ha messo a segno una lunga serie di furti e rapine nella zona adiacente al parco Novi Sad. Il ragazzo è stato denunciato per ben cinque volte in dieci giorni dalla Polizia di Stato - ad esempio per il tentato furto con lesioni ai danni di un automobilista - ma era sempre stato rilasciato con una denuncia, trattandosi di un minorenne.

Anche i Carabinieri avevano avuto a che fare con il malvivente, arrestato qualche giorno fa dopo furti su auto e la fuga all'interno de La Tenda di viale Molza. Anche in questo caso, tuttavia, il Tribunale lo aveva rilasciato con l'unica prescrizione di presentarsi in caserma per l'obbligo quotidiano di firma.

Gli uomini della Questura, trovandosi di fronte ad un giovane che continuava imperterrito a commettere reati, sono però voluti andare fino in fondo e hanno richiesto un esame medico. Il Policlinico ha quindi eseguito il test auxologico, riuscendo a dimostrare che il ragazzo aveva in realtà superato la maggiore età. Questo ha permesso alla Procura di richiedere e ottenere dal Tribunale un'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel pomeriggio di ieri, quindi, gli agenti del Posto di Polizia Centro - ben sapendo dove il giovane orbitava - lo hanno rintracciato al Novi Sad e scortato al Sant'Anna. La storia di questo nordafricano è purtroppo simile a quella di molti altri: arrivato a gennaio a Lampedusa dopo la traversata del Mediterraneo, si è dichiarato minorenne per essere ospitato in un centro di accoglienza (a Trapani) dal quale poi è fuggito. A Modena, dopo essere stato "beccato" la prima volta, era seguito dai servizi sociali e alloggiava presso un hotel, dal quale però partivano i suoi raid criminali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion e autocisterna si scontrano e prendono fuoco, una vittima in Autosole

  • Accademia Militare, per la prima volta una donna è la più meritevole fra gli Allievi

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Test sierologici gratuiti in farmacia, è necessario prenotare

  • Contagi, 81 nel modenese. Due decessi e due ingressi in Terapia Intensiva

  • A Modena 100 nuovi contagi. Decedute due anziane in città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento