Stupro nel cantiere di via Divisione Acqui, 19enne identificato e arrestato

Fermato nel mantovano il giovane su cui pendeva una misura di custodia in carcere poiché fortemente indiziato per la violenza subita da una 26enne il 14 ottobre scorso

È stato arrestato oggi il presunto autore dello stupro avvenuto nella notte del 14 ottobre nel cantiere del condominio di cohousing di via Divisione Acqui, a Modena. La ragazza vittima della violenza aveva sporto denuncia la mattina stessa presso la sede decentrata della Polizia locale di Modena che ha subito avviato l’attività investigativa in collaborazione con la Questura.

L’uomo è stato fermato a Guidizzolo, in provincia di Mantova, durante una normale attività di controllo svolta dai Carabinieri; una volta identificato, è emerso che su di lui pendeva un ordine di rintraccio per una misura di custodia cautelare in carcere disposta dal giudice per le indagini preliminari di Modena, in quanto il giovane è fortemente indiziato di reato.

Secondo quanto denunciato dalla vittima, una 26enne marocchina, sia lei che l'aggressore avevano trovato rifugio presso lo stabile abbandonato, che da tempo era solito ospitare bivacchi.  La vittima sarebbe poi riuscita ad allontanarsi dal retro dello stabile, dirigendosi verso il centro storico, per poi arrivare a sporgere denuncia al Posto Integrato accanto all'autostazione.

Gli agenti del Nucleo Problematiche del Territorio della Municipale, attraverso la descrizione da lei fornita, hanno identificato il presunto stupratore che la vittima ha riconosciuto nelle immagini fotografiche e hanno immediatamente avviato le ricerche del giovane: un 19enne marocchino, irregolare sul territorio italiano, con precedenti penali per furto e spaccio, su cui gravava già un provvedimento giudiziario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle ore successive gli operatori di Modena hanno passato al setaccio i luoghi in cui avrebbe potuto trovare rifugio l’indiziato che evidentemente, sentendosi braccato, ha lasciato la città. Nel primo pomeriggio di oggi, verso le 14, l’epilogo della fuga e il trasferimento nel carcere mantovano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • "I caporali fuori dalla Coop", protesta davanti al supermercato di Formigine

  • Apre il Drive-in di Maranello, domani la prima proiezione

  • Si presenta al Pronto Soccorso dopo una lite, ma porta con sè la cocaina. Arrestato

  • Precipita nel vuoto durante un'escursione, muore un 63enne modenese

  • Andrea Dovizioso operato durante la notte al Policlinico di Modena dopo una caduta

Torna su
ModenaToday è in caricamento