Processi, condannati i cinque rapinatori della gioielleria di Vignola

Venti anni complessivi di pena per i tre esecutori materiali, l'autista e il basista del colpo del 3 marzo 2016 alla Gioielleria Galli. I malviventi non si fecero scrupoli ad aggredire i negozianti e una cliente, ma dopo qualche settimana furono arrestati. Soddisfazione della Procura

Il Tribunale di Modena, nella persona del Gup Eleonora De Marco, ha emesso la sentenza di condanna a ciarico dei giovani criminali protagonisti di una rapina a mano armata che aveva destato particolare allarme a Vignola. Il 3 marzo dello scorso anno tre persone erano entrate nella Gioielleria Galli di via Garibaldi e minacciarono i presenti, malmenandoli e immobilizzandoli, per poi razziare alcuni oggetti in esposizione per un valore di circa 200mila euro (GUARDA IL VIDEO).

Le indagini dei Carabinieri avevano permesso però di identificare i tre protagonisti già a metà aprile e di trarli in arresto in un quartiere dell'hinterland napoletano dove risiedevano. Quanche settimana dopo erano stati identificati anche un quarto uomo, l'autista del trio, e un quinto, il basista residente nella zona di Vignola che aveva fornito supporto ai malviventi.

La sentenza nel processo con rito abbreviato non ha fatto sconti. I tre esecutori – Ferdinando Amitrano di 24 anni, Alfonso Mangiapilli di 19 e Roberto Migliaccio di 21 – sono stati condannati a 5 anni di carcere. Quattro anni invece al "taxista", il 22enne Sabatino Panico, mentre il 22enne Daniele Di Napoli, il basista, ha patteggiato una pena di 1 anno e 8 mesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sono assolutamente soddisfatta per le condanne che, nonostante i riti alternativi che comportano una riduzione di pena di un terzo, costituiscono una importante risposta dello Stato ad un gravissimo episodio di aggressione ad esercizio commerciale con lesioni ai presenti". Questo il commento del procuratore capo Lucia Musti, che ha aiiungto: "La condanna è il coronamento dell'attività investigativa condotta dai Carabinieri di Modena coordinati brillantemente dal PM Luca Guerzoni che chiese ed ottenne in tempi rapidissimi, anche grazie ad un GIP  particolarmente efficiente, ordinanze cautelari in carcere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Coronavirus, 69 nuovi casi in regione. La metà tra Bologna e Reggio Emilia

  • Coronavirus, 39 nuovi casi positivi in regione: 10 sono a Modena

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

  • Assalto al distributore Coop del Grandemilia, colonnine divelte con una ruspa

  • Scooter contro un'auto in via Pancaldi, grave un 55enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento