Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

Dopo le tante segnalazioni dei residenti, diversi controlli e provvedimenti giudiziari disattesi, la Polizia locale ha eseguito l’ordinanza di sequestro dei locali adibiti alla produzione di un forno del centro storico

Niente più sconti per il forno rumoroso del centro storico legato a vicende che si susseguivano da oltre un anno. Questa volta se i titolari dell’esercizio del centro vorranno riprendere la produzione e la cottura del pane, dovranno eseguire gli interventi, già richiesti  un anno fa, per ridurre le emissioni rumorose che impediscono il sonno dei residenti della zona e superano i limiti consentiti dalla legge.

Nel pomeriggio di venerdì 10 luglio infatti  la Polizia locale di Modena ha eseguito l’ordinanza di sequestro preventivo dei locali adibiti alla produzione provvedendo a chiuderli e a mettere i sigilli.

Questa  misura tuttavia arriva dopo mesi travagliati di segnalazioni, controlli e verifiche di Polizia locale e di Arpa, conseguenti ordinanze e provvedimenti disattesi.

Già a maggio dello scorso anno in seguito a un controllo effettuato dai tecnici di Arpa da cui risultavano effettivamente emissioni di rumore oltre il limite previsto dalle norme in quella zona residenziale ad alta densità abitativa, il sindaco aveva firmato un’ordinanza che prescriveva alla proprietà interventi di coibentazione che avrebbero consentito di ridurre le emissioni rumorose.

Ad un successivo controllo, disposto dal Comando di via Galilei i lavori necessari non erano stati eseguiti. Il conseguente deferimento per inadempienze, ha quindi portato l’Autorità giudiziaria a disporre il sequestro delle attrezzature che causavano rumore, cioè forni ed essiccatoi. Provvedimento poi modificato prevedendo un sequestro limitato all’orario notturno che in pratica consentiva al forno di continuare a lavorare di giorno. Ma così non è avvenuto o almeno non sempre, le segnalazioni non sono cessate e nemmeno i controlli disposti per accertare il rispetto dei provvedimenti.

Così il 2 luglio di quest’anno gli operatori della Polizia locale hanno accertato l’utilizzo notturno dei macchinari incriminati e la Procura ha emesso un’ordinanza per il sequestro degli interi locali adibiti alla produzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo amore per Nicoletta Mantovani, la vedova Pavarotti sposa a settembre

  • Coronavirus, 39 nuovi casi positivi in regione: 10 sono a Modena

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Coronavirus, 69 nuovi casi in regione. La metà tra Bologna e Reggio Emilia

  • Coronavirus. Tampone obbligatorio per chi rientra da Spagna, Grecia, Croazia e Malta

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento