rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca San Prospero

Ragazzo annegato in piscina, titolare indagato per omicidio colposo

La Procura ha chiuso le indagini avviate a seguito della morte di Adam Doussad presso l'impianto di San Pietro in Elda. Chi aveva la responsabilità della sorveglianza non era presente al momento della tragedia

A distanza di alcuni mesi dalla tragedia avvenuta lo scorso 5 giugno, la Procura della Repubblica di Modena ha notificato l'avviso di fine indagini al titolare della piscina Casanova di San Prospero. L'uomo risulta indagato per omicidio colposo a seguito dell'annegamento di Adam Doussad, 14enne di Bastiglia che ha perso la vita nella vasca in quel terribile pomeriggio d'estate. 

Il giovane si era tuffato in acqua e non era più riemerso: soltanto due amiche avevano notato la sua assenza e un altro giovanissimo si era tuffato in vasca e lo aveva poi riportato a viva ormai privo di sensi. Dopo i primi soccorsi il ragazzo era stato trasferito all'Ospedale Sant'Orsola di Bologna, dove era poi deceduto il giorno successivo.

L'indagine è stata condotta dai Carabinieri, sotto il coordinamento della Procura, e ha fatto emergere due aspetti determinanti. Da un lato l'esame autoptico ha accertato che la morte è stata causata dall'annegamento e non da altri fattori esterni. Dall'altro l'indagine avrebbe fatto emergere l'assenza della persona deputata alla sorveglianza al momento del fatto, tanto che il recupero del 14enne era stato portato a termine da un altro cliente della struttura. Da qui l'ipotesi del reato di omicidio colposo, per negligenza e imprudenza da parte del bagnino, che in quel turno era proprio il titolare dell'attività.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzo annegato in piscina, titolare indagato per omicidio colposo

ModenaToday è in caricamento