Piastrelle importate da Taiwan per essere spacciate come "made in Italy"

Agenzia delle Dogane e le Fiamme Gialle hanno intercettato un mercantile con a bordo anche le ceramiche con il logo di una nota azienda del distretto sassolese

Negli ultimi tempi l'azione dell’Agenzia Dogane e Monopoli della Spezia, in collaborazione con i militari del Gruppo della Guardia di Finanza della Spezia, ha consentito di smascherare prodotti contraffatti, importati dall'estero e marchiati con il logo di ditte italiane. Una frode molto grave che ha coinvolto anche il settore ceramico e in particolare il distretto modenese.

Gli inquirenti hanno infatti individuati alcuni containers contenenti piastrelle, prodotte in Taiwan, destinate a un magazzino di Reggio Emilia per conto di una società modenese. Con l’attività ispettiva è stato accertato che sulle numerose confezioni di piastrelle, oltre al
marchio di proprietà della società italiana importatrice, era presente il marchio di qualità “Ceramics of Italy” - di proprietà di Confindustria delle Ceramiche Italiane - la cui apposizione è permessa, dietro concessione, alle sole società accreditate che producono interamente in Italia (c.d. 100% made in Italy).

Accertata la contraffazione, sono state eseguite, in diversi luoghi, le perquisizioni delegate dalla Procura della Repubblica rinvenendo e sequestrando oltre 140 bancali di merce, costituita da 25.334 articoli per costruzione anch’essi illecitamente etichettati. tre imprenditori risultano indagati.

"Non ci sono parole per indicare la gravità di un simile atto e, al tempo stesso, la meschinità di persone che vivono sul territorio e sono pronte a danneggiarlo con modalità così subdole e così vili - ha commentato senza mezzi termini il sindaco di Fiorano Modenese, Francesco Tosi - Per conseguire facili guadagni generati dalla illegalità, ci si fa beffa di tutto il lavoro compiuto sul nostro territorio con serietà, ingegno, ricerca, coraggio e decenni di investimento , lavoro che ha generato un distretto dalle caratteristiche uniche e studiato nel mondo. I responsabili di un gesto simile devono vergognarsi ed allontanarsi dal mondo economico locale; questi non sono imprenditori, bensì ladri privi di coscienza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piatto dell'anno 2021, Massimo Bottura sperimenta e vince ancora

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Coronavirus, 1.413 contagi in regione. A Modena i numeri raddoppiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento