A processo per peculato, 400mila euro sottratti agli anziani che doveva tutelare

Rinviato a giudizio un avvocato modenese, accusato di aver distolto una grossa somma dai conti di una dozzina di persone anziane delle quali era stato nominato amministratore di sostegno. Nove delle vittime saranno parte civile

Il Gup del Tribunale di Modena ha fissato al prossimo ottobre l'inizio del processo che vede imputato un quarantenne, finora abituato a frequentare le aule di giustizia per ben altri motivi. Si tratta infatti di un avvocato modenese che è accusato di peculato e di omessa dichiarazione Iva e Irpef, fatti che sarebbero stati compiuti fra il 2007 e il 2012, quando il professionista era amministratore di sostegno di una dozzina di persone anziane e non autosufficienti, residenti in strutture protette.

Era stata la guardia di finanza, nel settembre 2014, a smascherare la presunta attività illecita dell'avvocato, il quale secondo i finanzieri e il Pm Luca Guerzoni si sarebbe illecitamente appropriato delle somme di denaro amministrate per conto dei suoi clienti. Le Fiamme Gialle avevano infatti sequestrato denaro e titoli azionari per una cifra complessiva di 400mila euro, suddivisa in diversi conti correnti bancari.

L'accusa sostiene che l'uomo avrebbe prelevato questa cifra per finalità personali dai conti correnti dei propri tutelati, nei confronti dei quali, in alcuni casi, non avrebbe provveduto nemmeno al pagamento delle spese essenziali per il loro sostentamento. A far scattare il campanello d'allarme era stata la situazione debitoria di alcuni malcapitati anziani nei confronti delle case di cura che li ospitavano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle richieste di spiegazioni avanzate nel tempo dai parenti dei diretti interessati, l'avvocato avrebbe tentato di fornire documentazione cartacea, esibendo vaglia postali, documenti di spesa e quietanze risultati, tuttavia, contraffatti o inattendibili all’esito delle indagini. Ad aggravare la situazione del professionista modenese, la Finanza ha scoperto che costui risultava completamente sconosciuto al Fisco da diversi anni, non avendo ottemperato agli obblighi di presentazione delle dichiarazioni fiscali annuali. Il Gup ha ammesso anche la richiesta di costituzione a parte civile di nove anziani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Festa de L'Unità, prime anticipazioni sugli spettacoli di Ponte Alto

  • Furto e aggressione con una mazza chiodata, modenese ferito in spiaggia

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Si masturba in piazza, fermato accanto al palco del Radio Bruno Estate

  • Contagio, 5 casi nei comuni di Formigine, Castelnuovo e Modena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento