rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Baggiovara

Fugge, sperona l'auto della Polizia poi minaccia il suicidio. Arrestato spacciatore

Rocambolesca fuga con incidente per un 37enne marocchino, intercettato a Baggiovara dagli agenti del Commissariato di Sassuolo. Lo straniero è poi entrato nell'area produttiva di Armani e minacciato di gettarsi nel vuoto. Ora è in carcere

Rocambolesco arresto nella notte scorsa a Baggiovara. Protagonista dell'episodio decisamente movimentato è stato un 37enne marocchino, ben noto alla giustizia italiana e alla Polizia per essere uno spacciatore, già espulso e poi rientrato clandestinamente per proseguire la sua redditizia attività. A monitorare i traffici dello straniero sono stati gli agenti del Commissariato di Sassuolo, che la scorsa notte lo hanno individuato nella frazione modenese mentre spacciava all'esterno della discoteca Kyi.

Ma l'operazione per trarlo in arresto si è rivelata decisamente complessa, visto che il nordaficano ha tentato in ogni modo di fuggire alla cattura. Quando ha visto gli agenti arrivare è salito a bordo della propria auto ed è partito a tutta velocità, arrestando la propria corsa solo dopo aver speronato una vettura della Polizia che gli sbarrava la strada. A quel punto è sceso dal mezzo ed è scappato a piedi, riuscendo a scavalcare la recinzione della fabbrica G.A. Operarations.

Una volta all'interno dell'area produttiva il marocchino – con i vestiti laceri e diverse ferite sul corpo – si è arrampicato sopra un autoarticolato. Quando è stato accerchiato non ha risparmiato ogni genere di offesa agli agenti e ha minacciato di gettarsi a terra, come ultimo disperato tentativo di evitare la cattura. Solo dopo quasi un’ora, quando sul posto era giunto anche un equipaggio della squadra Volante di Modena, lo straniero ha desistito dai suoi propositi ed è sceso dall’automezzo per consegnarsi.

Nel frattempo la Polizia ha perquisito l'auto abbandonata e incidentata, trovando a bordo due ovuli per il trasporto della droga, ora vuoti, ma che avevano contenuto cocaina. Proprio la polvere bianca è stata rinvenuta suddivisa in 14 confezioni, nascoste all'interno di un cerchione dell'autoarticolato della G.A. Operations sopra il quale si era rifugiato.

Nel pomeriggio di oggi, l’arresto è stato convalidato dal Gip del Tribunale di Modena con conseguente applicazione di un ordine di custodia cautelare in carcere. Dovrà rispondere delle accuse di minacce aggravate, resistenza, spaccio di stupefacenti, danneggiamento aggravato e lesioni personali, oltre alla violazione dell'espulsione che gli era già stata inflitta in passato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fugge, sperona l'auto della Polizia poi minaccia il suicidio. Arrestato spacciatore

ModenaToday è in caricamento