Nuove regole per l'aceto balsamico tradizionale, produttori spiazzati

La stretta sulla produzione, con nuove regole da rispettare entro gennaio dell'anno prossimo, mette in ansia i produttori dell'oro nero modenese. Incontro presso Confcommercio

Produttori di aceto balsamico in rivolta contro i nuovi protocolli di settore che, dall'1 gennaio prossimo, prevederebbero un taglio sulle quantità di prodotto imbottigliabili. Con l'obiettivo di evitare le intromissioni del mercato nero e le disinvolte acetaie 'casalinghe', riqualificando tutta la filiera ed evitando le chiacchierate sovrapproduzioni, gli addetti ai lavori sono stati convocati ad una riunione ad hoc lo scorso 23 ottobre a Modena. L'incontro è stato convocato dal Consorzio di tutela dell'aceto balsamico, nella sua sede di viale Virgilio. 

Il nuovo regime di controlli, che aggiorna il precedente datato 2009, porta la firma congiunta del Consorzio stesso, dell'ente di certificazione bolognese Cermet e del ministero delle Politiche agricole. Pendono tuttora varie interpretazioni, ma un dato sembra assodato e sta facendo discutere già da qualche tempo: se finora i produttori hanno potuto imbottigliare fino all'8% delle giacenze da almeno 12 anni e fino al 4% di quelle fino ai 25 anni, dall'1 gennaio le due percentuali dovrebbero essere tagliate a quota 3% e 1,5% rispettivamente. Meno della metà, quasi un terzo.

La ratio sarebbe questa: con gli standard attuali, i grandi produttori sono favoriti rispetto ai piccoli (in regola). Se il Consorzio dunque motiva il tutto sulla base della necessità di riclassificare la filiera dell'oro nero, i produttori lamentano tempi troppo stretti per adeguarsi e soprattutto contestano sul merito.

"Ci hanno comunicato le nuove regole a fine ottobre e dall'1 gennaio bisognerebbe adeguarsi, non c'è sufficiente tempo. Intromissioni nella filiera? Per noi si tratta di fantasmi. Ovvero, se qualcuno ritiene che esistano denunci, altrimenti alimentare queste voci crea solo un danno", sbotta Mario Giambigliani Zoccoli, presidente del Consorzio produttori antiche acetaie. Aggiunge Giambigliani Zoccoli: "Nel nostro territorio non ci risultano denunce su eventuali irregolarità nella produzione, del resto i controlli del Cermet sono continui e stringenti. Se non ci saranno accorgimenti, rischiamo di danneggiare il settore e soprattutto le sue ricadute in termini turistici e di immagine", rincara il produttore modenese.

Per cercare di fare massa critica ma anche chiarezza, domani è prevista una tavola rotonda a tema dalle 18.30 all'auditorium di Confcommercio, in via Piave a Modena, ribattezzata "Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Dop: una risorsa per il nostro territorio". Col nuovo piano di regole si sono originati "forti dubbi" tra i produttori modenesi perchè, recita una nota ufficiale oggi di Confcommercio, "il fondato rischio" è quello di "ridimensionare l'economia che gira intorno al nostro 'oro nero', riducendone fortemente la capacità produttiva". Oltre a Giambigliani Zoccoli sono attesi Giorgio Vecchi, presidente provinciale di Confcommercio, Francesca Soffici di Modenatur, Tiziano Bursi, docente Unimore al dipartimento economia "Marco Biagi", Tommaso Rotella, assessore alle Attività economiche del Comune di Modena.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(DIRE)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

  • Contagio Trovati 15 nuovi casi nel modenese: erano già quasi tutti in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento