rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Economia

Vigili del Fuoco, il Conapo chiede un fondo per le emergenze

Il sindacato autonomo scrive al Ministro Cancellieri. Preoccupa la situazione di indebitamento verso i fornitori che diversi comandi, tra cui quello modenese, stanno subendo dopo il sisma emiliano

Ad oggi, sembrerà strano, non esiste in Italia un fondo per per le emergenze per il corpo nazionale dei Vigili del Fuoco. Questi infatti intervengono nelle emergenze senza avere a disposizione un finanziamento straordinario ed i fondi a disposizione negli ordinari capitoli di bilancio, come è facile immaginare, non bastano più, mettendo cosi in crisi l'apparato. Nei fatti, a causa dei tagli lineari e della spending review, i comandanti provinciali dei Vigili del Fuoco già ora stanno operando indebitati con i privati.

Una situazione di profondo disagio, denunciata dal Conapo, il sindacato autonomo dei Vigili del Fuoco, ha chiesto scritto al Ministro Cancellieri e ai massimi vertici del dipartimento dei VVFF e della Protezione Civile.  “Il Ministro dell'Interno Cancellieri – si legge nella nota - porti in Consiglio dei Ministri anche il problema della istituzione di un fondo emergenze per il corpo nazionale vigili del fuoco, quale utile strumenti che consenta, con invarianza degli oneri a carico dello stato, il pagamento in tempi più celeri sia delle retribuzioni straordinarie dei vigili del fuoco intervenuti durante le calamità, come anche delle forniture da parte delle imprese”.

L'emergenza vera pare essere quella dei carburanti e la situazione modenese, per le tragiche esperienze sismiche, è al centro dell'attenzione. Sempre più spesso i distributori di carburanti rifiutano la fornitura a taluni comandi, tra i quali Modena, a causa dell'eccessivo indebitamento. Il comando di Modena ha dovuto rifornire tutti i mezzi giunti dalle altre parti d'Italia durante il sisma, ottenendo come risultato una lettera di rimprovero dagli uffici romani, nella quale veniva chiesta ragione di una spesa così superiore a quella degli anni passati. Quella del fondo emergenze è perciò “una misura da noi fortemente voluta e che riteniamo doverosa per i Vigili del fuoco, ma ancor prima per i cittadini e i fornitori di carburante ai vigili del fuoco i quali”, spiega il segretario regionale Conapo Eros Dini, che attende anche risposta sul pagamento degli straordinari, bloccati proprio dal terremoto dello scorso maggio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili del Fuoco, il Conapo chiede un fondo per le emergenze

ModenaToday è in caricamento