menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Curiosità Modenesi | Il simbolo sopra le tigelle. Da dove deriva?

Un viaggio che parte dall'Antico Egitto e da Israele, attraverso i viaggi dei primi cristiani per arrivare alla Modena medioevale. Ecco perché il simbolo della Vita si trova sopra le tigelle

Molto spesso la storia risiede nei dettagli, e un esempio è quel simbolo che si vede sopra le tigelle e quindi di conseguenza sopra le crescentine. E' un simbolo che avrete visto nel mondo politico, in particolare nella Lega Nord come stemma della Padania, ma che fuori dall'ambito politico ha una ragione storico-culturale molto più profonda. Viene chiamato da alcuni "Sole delle Alpi" da altri "Fiore delle Alpi". Perché noi che abbiamo gli Appennini dovremmo riportare quel simbolo sopra le tigelle? 

Quel simbolo viene chiamato Sole da chi ci vede in quei segni dei raggi solari, fiore invece per chi immagina dei petali. La politica ha fatto sì che quel simbolo si rifacesse ai celti comettendo un enorme errore di valutazione, perché infatti quel simbolo ha origini medio-orientali. Si riferisce infatti, secondo gli antichi egizi il "Fiore della Vita", mentre per la tradizione ebraica è l' "Albero della Vita", in entrambi i casi legato all'evento della creazione. Che legame c'è tra Antico Egitto e Modena? 

Per alcuni quel simbolo ricorda la vita nel senso stretto della fisionomia femminile, ovvero è un simbolo vaginale. Da lì nascerebbe l'idea dell'Albero della Vita o del Fiore della Vita. Ma quelle culture sono troppo lontane da Modena, perciò bisognerebbe interrogarsi come abbia fatto ad arrivare fin qui. Bisogna sapere che c'è un termine latino per indicare due cerchi che si incontrano, ovvero Vesica Piscis.

Quel simbolo è stato usato ai tempi dei primi cristiani per indicare l'Ichthys, ovvero il pesce che era un simbolo per indicare Gesù Cristo. Con quel simbolo i primi cristiani si riconoscevano e furono loro che arrivarono dal medio-oriente in Italia in epoca romana. Tale tradizione si è probabilmente radicata nei secoli successivi, perdendo il significato originario e venendo sostituito con una credenza cristiana. Tale sarebbe poi stata rappresentata sopra oggetti comuni, come le forme circolari o tigelle utilizzate per cuocere le crescentine. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni anti-Covid, si apre la prenotazione per i 60-64enni

Attualità

Appena 39 casi oggi nel modenese, scendono i casi attivi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento