menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Folklore Modenese | La difficoltà di essere donna nella famiglia patriarcale

Cosa significava essere una donna nella famiglia patriarcale modenese? Un viaggio tra racconti e storie

Quando si tratta il tema della famiglia contadina, l'argomento viene spesso tradotto in famiglia patriarcale, e nel modenese non era diverso. Infatti, la famiglia era governata dal capofamiglia, ovvero l'uomo più anziano capace di portare avanti l'intera famiglia, che era anche l'unico che aveva un rapporto diretto con il padrone del terreno in quanto spesso queste famiglie lavoravano da mezzadre. Tuttavia, all'interno della casa la donna più anziana, che era spesso la moglie del capofamiglia, governava la casa, ma non per questo aveva gli stessi diritti.

Infatti, la distinzione tra uomo e donna in casa era molto netta, e quando si pensa a vecchi detti come "porta sfortuna il primo dell'anno incontrare per prima persona una donna", tale preconcetto, che oggi fa sorridere, all'epoca era più che mai sentito. Per fare un esempio, basti pensare che nella tradizione è rimasto il retaggio del duro lavoro dei campi, e che quindi gli uomini facevano un lavoro pesante, ma le donne non erano certo da meno. Infatti, le donne lavoravano la campagna quanto gli uomini, e non era neppure il lavoro più umile, infatti le giovani donne dovevano subire la sudditanza al patriarca, facendo i lavori meno graditi.

Quando poi si sposavano tale potere di controllo passava ai mariti, e per le donne l'ansia cresceva ancora di più perché erano costrette ad abbandonare la propria famiglia e ad andare a vivere nella casa del marito. Si racconta di giovani donne che sono scappate nella casa d'origine o persino di coppie che si sono date alla fuga perché non riuscivano ad essere accettate nella struttura famigliare.

A ciò si aggiungeva che le donne mangiavano dopo o meno degli uomini, che lavoravano in media un numero di ore superiore dell'uomo, che erano considerate un costo perché vi era ancora il concetto della dote, ed infine perché rischiavano seriamente la morte con qualsiasi parto, e all'epoca di figli se ne avevano tanti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vignola. Sospesa dalla Municipale l'attività alla GimFive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento