Folklore Modenese | Perchè l'aceto balsamico tradizionale si faceva in collina?

Non è un caso che l'aceto balsamico tradizionale fosse tipico della collina, infatti vi è una storia che ha attraversato secoli e secoli e che ha portato i contadini ad essere detentori del segreto balsamico

Nel mondo oggi l'aceto balsamico tradizionale di Modena è conosciuto per essere un'eccellenza, portato avanti da brand aziendali di grande prestigio, dal Consorzio e dalla Consorteria, nonché dalle varie acetaie comunali, tuttavia è altrettanto vero che il merito dell'iniziale attività di divulgazione e comunicazione del suo valore è da accreditare alla famiglia d'Este. Infatti, i duchi erano soliti sia far assaggiare l'aceto balsamico tradizionale ai propri ospiti a tavola, non come condimento per l'insalata, ma come fine pasto per depurare, e da lì il termine balsamico, il loro nobiliare palato, e al tempo stesso non di rado inviavano ad alleati e amici contenitori di vetro con all'interno l'oro nero di Modena. 

Tuttavia, a fronte di questa ovvia verità, è altrettanto veritiero sostenere che questa tradizione viene dal basso ovvero dalla cultura contadina modenese. Infatti, se gli Estensi decisero di fare anche loro l'aceto balsamico tradizionale nelle mura del palazzo ducale è per merito della conoscenza acquisita dialogando con i loro sudditi. In effetti, non si trattava di sudditi qualsiasi ma di quelli più benestanti con cui era più facile poter parlare apertamente e a cui andavano in visita. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si trattava di signorotti che abitavano in gran parte nella zona collinare, che aveva il clima ideale per far "maturare" il miglior aceto. Tuttavia, non pensiamo che questi signorotti sapessero i veri segreti di come si preparava, infatti non era detto che fossero presenti nel momento della bollitura del mosto o quando lo si passava da una botte ad un'altra. E quando questi scelsero nell'Ottocento di abbandonare la campagna e trasferirsi in città, molte acetaie rimasero dov'erano sempre state accudite dai contadini. Questi ultimi apprendendo la tecnica dai loro predecessori coltivarono la tradizione trasferendola a noi modenesi di oggi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Coronavirus, 69 nuovi casi in regione. La metà tra Bologna e Reggio Emilia

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento