Martedì, 19 Ottobre 2021
Politica Caduti in Guerra / Corso Canalgrande

Polemica sulla Palazzina Vigarani, in un anno 21mila visitatori

Il sindaco Muzzarelli stempera la tensione risponde all’interrogazione di Galli (FI) sulle dimissioni di Pierini che, per il 2015, riceverà 9.500 euro come diritti d’autore sulle mostre. Poi l'assessore Cavazza relaziona sui numeri della Galleria Civica

Non è stato il Comune di Modena a provocare polemiche sulla direzione della Galleria civica evitando, inoltre, “di attribuire al caso un significato e una portata superiori alla realtà dei fatti”. L’amministrazione comunale, infatti, “ha operato per contenere strascichi dannosi e soprattutto si è preoccupata di far proseguire l’attività della Galleria e di coordinare le iniziative con il programma di promozione per Expo 2015, smentendo, anche qui coi fatti, le posizioni di quanti, senza corrette informazioni e una probabile dose di pregiudizio, hanno ritenuto di lanciare allarmi infondati e pretestuosi sulle prospettive della politica culturale modenese”.

Lo ha detto il sindaco Gian Carlo Muzzarelli oggi, lunedì 9 marzo, in Consiglio comunale rispondendo all’interrogazione del capogruppo di Forza Italia Andrea Galli a proposito della “buonuscita economica” richiesta dall’ex direttore della Galleria Marco Pierini in occasione delle sue rocambolesche dimissioni. A fronte di un compenso annuo di 44 mila euro (16 mila dei quali per diritti d’autore), per il 2015 a Pierini, il cui contratto è stato risolto a fine gennaio, sarà riconosciuto un compenso di 9.500 euro – ha spiegato il sindaco – in gran parte dovuto ai diritti d’autore delle mostre programmate fino a giugno 2016.

Per Muzzarelli l’amministrazione comunale ha pieno titolo per decidere sulla destinazione e l’uso delle proprietà e delle sedi pubbliche, così come è nel pieno diritto di variare i propri programmi e di chiedere ai propri dirigenti di mettere in atto le decisioni politiche assunte, nel rispetto delle norme di legge. E l’eventualità di una polemica pubblica, secondo Muzzarelli, “non poteva in alcun modo influire sulle decisioni dell'ente: il dottor Pierini era libero di dimettersi a sua discrezione e, in qualità di libero cittadino, di esprimere le proprie opinioni, nonché di polemizzare con l’amministrazione comunale, assumendosi per intero la responsabilità di una iniziativa sbagliata nel metodo e infondata nel merito”. Per il sindaco, però, “l’amministrazione comunale ha ovviamente il diritto e dovere di rispondere alle critiche e di tutelare l’immagine sua e della città, ma il suo primo compito è quello di trovare soluzioni positive ai problemi, senza inseguire e alimentare scontri e contenziosi”.

Andrea Galli, nella replica ha affermato che il sindaco “non ha risposto alla domanda posta: lei – ha detto il consigliere – è stato vittima di un tentativo di estorsione, Pierini ha commesso un reato, e lei nella risposta non ne ha fatto riferimento. Capisco la necessità di stemperare il clima ma allora non avrebbe dovuto proprio riferire sulla vicenda. Questo signore almeno una tirata d’orecchie se la meritava”.

NUMERI - Sono stati complessivamente 51.496 i visitatori delle mostre organizzate dalla Galleria civica di Modena, nelle sue varie sedi, nel 2014. Di questi, oltre 21 mila, hanno visitato le esposizioni alla Palazzina Vigarani. Tra le mostre, allestite in particolare alla Palazzina, che hanno avuto maggior successo di pubblico nel periodo in cui Marco Pierini ha svolto le funzioni di direttore, ci sono state quella dedicata a Josef Albers, nel 2011, vista da oltre 13.300 persone; le due esposizioni del 2013, una di Nam June Paik (11.892 visitatori) e l’altra con protagonista John Lennon che ha portato a Palazzo Santa Margherita 10.244 persone e infine, nel 2014, ha avuto oltre 12 mila visitatori “Michelangelo e Festivalfilosofia”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polemica sulla Palazzina Vigarani, in un anno 21mila visitatori

ModenaToday è in caricamento