Regione, Errani “scarica” l'Assessore all'Ambiente Sabrina Freda

Il Presidente della Regione ha deciso di revocare l'incarico all'Assessore, con il quale i rapporti erano ormai molto tesi. Negli ultimi mesi sempre nuove divergenze sulle politiche ambientali e di smaltimento dei rifiuti

“Oggi ho deciso, dopo una riflessione che ho svolto a partire dall’inizio di agosto ed un confronto approfondito, di revocare l’incarico all’assessore Sabrina Freda”. Lo annuncia laconicamente in una nota stampa il Presidente della Regione Emilia-Romgana Vasco Errani. Lo stesso Errani, confermando il programma e la linea politica della Giunta, assume ad interim le deleghe in materi ambientale.

“Questa mia decisione – spiega Errani – è maturata esclusivamente dalla constatazione che, di fatto, sono via via venuti meno quello spirito di collaborazione, di collegialità e quel metodo di confronto aperto e costruttivo con le altre istituzioni e l’intera società regionale che per me sono irrinunciabili e a fondamento del lavoro della Giunta. Di ciò non posso che prendere atto con rammarico, ringraziando l’assessore per l’impegno comunque profuso

Ma nonostante Vasco Errani abbia esplicitamente dichiarato che “non c’è un problema politico”, l'impressione maturata in questi ultimi mesi è proprio quella di divergenze ormai incolmabili sulla linea da seguire in merito ai temi ambientali, piuttosto che ad un mero disaccordo personale o di metodo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pietra dello scandalo ben nota a Modena è sicuramente stata anche la visione di Sabrina Freda, piacentina eletta nelle liste dell'Italia dei Valori, nei confronti del delicato problema degli inceneritori e del ciclo dei rifiuti. L'ormai ex Assessore aveva infatti più volte richiamato l'intenzione di andare verso la chiusura di determinati impianti – come quello di Piacenza o Ravenna – dimostrandosi molto critica anche verso la nuova qualifica ottenuta dall'impianto modenese. Sotto questo profilo la manovra di Errani appare anche come un chiaro “serrate i ranghi” all'interno del Pd emiliano, sempre più solo nella sua missione di amministrazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 71 nuovi positivi, di cui 48 asintomatici. A Modena focolaio in un prosciuttificio

  • Covid. Altri 18 contagiati nel focolaio del salumificio di Castelnuovo

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

Torna su
ModenaToday è in caricamento