menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In centro storico intervento di rimozione di 11 alberi a rischio crollo

Da mercoledì 23 settembre gli abbattimenti dovuti a problemi di stabilità delle piante. Tutti gli alberi rimossi saranno sostituiti. In corso anche operazioni di potatura. Dientro la stazione sarà piantato un grande albero "simbolico"

Inizia mercoledì 23 settembre, in alcuni viali e parchi del Quartiere centro storico, l’intervento per rimuovere, a tutela della sicurezza dei cittadini, 11 alberi che presentano gravi problemi di stabilità e sono risultati a rischio schianto. La conclusione dei lavori è prevista per la fine della settimana; tutte le piante rimosse saranno sostituite.

L’intervento, coordinato dai tecnici del servizio Manutenzione urbana del Comune di Modena, è stato deciso a seguito dei monitoraggi eseguiti nell’ambito del piano di controllo, analisi di stabilità e valutazione del rischio del patrimonio arboreo messo in atto dal Comune ai quali, in alcuni casi, si sono aggiunte anche segnalazioni da parte dei cittadini relative a piante che presentavano problemi.

Gli abbattimenti riguardano un tiglio su viale Reiter e un altro su viale Fabrizi; un acero al parco Pertini; un bagolaro in viale Caduti in guerra, uno in via Poletti e uno in largo Garibaldi; un platano in viale Fontanelli; una pianta in viale Montecuccoli e due olmi, visibilmente secchi, al parco delle Rimembranze.

Nell’ambito dello stesso cantiere saranno eseguite potature in via Paolo Ferrari e in via Munari, al parco Primo maggio e in via Leonardo da Vinci dove saranno potati i platani sul rialzo strada per allontanarli dagli edifici.

Sempre in tema di alberi, il Consiglio Comunale ha approvato l'idea di piantare un albero a margine della piazza di Porta Nord come simbolo e “segno visibile” del progetto di riqualificazione in corso, attento all’ambiente e funzionale alla ciclopedonalità e al trasporto pubblico. L’invito era contenuto nell’ordine del giorno presentato da Paola Aime (Verdi) e approvato all’unanimità, nella seduta di giovedì 17 settembre. Dopo aver ricordato che nella piazza di Porta Nord sono stati collocati una fermata dell’autobus, una velostazione con deposito protetto per le bici e rastrelliere di “C’entro in bici”, la consigliera Aime, nella presentazione, ha sottolineato che “quello spazio è molto significativo come raccordo tra una periferia, che nel tempo aveva presentato varie criticità sociali, e il centro oltre a rappresentare un segno di attenzione al tema del trasporto passeggeri su ferro invece che sui mezzi privati. Per arricchire l’area di un significato in più – ha ricordato ancora la consigliera – vi è stato collocato anche un monumento ai migranti”.

A completare il valore del progetto, l’ordine del giorno chiede, dunque, di “dotare il piazzale di un albero capace di crescere almeno fino a 10 metri come segno visibile, anche a distanza, dell’attenzione dell’amministrazione per la qualità dell’aria e il benessere dei cittadini a cui concorre attivamente anche l’elemento della bellezza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento