Viale Gramsci, al presidio dei residenti si lavora alle proposte per il Comune

I cittadini in strada nei pressi delle "panchine dello spaccio" si confrontano sulla petizione da inoltrare all'Amministrazione con soluzioni mirate ai problemi della zona

Cresce il numero dei cittadini che hanno deciso di prendere parte al presidio serale in viale Gramsci, che anche ieri si è riunito all'inizio del viale, come la settimana precedente. Oltre a residenti ed esponenti politici locali c'erano anche diversi giovani, che hanno partecipato a quello che è stato di fatto un dibattito aperto sulle problematiche del viale.

Spaccio, tossicodipendenza, ubriachi molesti, negozi etnici irrispettosi dei regolamenti: questi e altri i temi al centro delle discussioni e dello scambio di esperienze fra i residenti. Nel corso dell'incontro sono state raccolte diverse proposte e gli organizzatori hanno avviato la stesura di una petizione, con l'obiettivo di mettere nero su bianco le proposte da presentare poi all'Amministrazione Comunale.

Una settimana di lavoro, dunque, per i promotori del presidio, con l'obiettivo di ritrovarsi la prossima settimana per "riprendersi" per un'altra sera la zona in mano ai pusher e per avviare la raccolta firme in vista della presentazione delle istanze in Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Covid a Modena: scendono rispetto a ieri i nuovi casi. Ancora 11 i decessi

  • Conferma dal Ministero, l'Emilia-Romagna torna in "zona gialla"

  • Prodotti "non essenziali" accessibili ai clienti, multe per due ipermercati

Torna su
ModenaToday è in caricamento