rotate-mobile
Cronaca

Argini, controlli straordinari in vista della cattiva stagione

Nel fine settimana tecnici e volontari della Protezione Civile svolgeranno un servizio particolare, mirato principalmente alla verifica di tane e smottamenti

Si svolge nel prossimo week end, in diversi Comuni attraversati da Secchia e Panaro, una campagna di controlli e monitoraggio sugli argini per verificare eventuali criticità in vista della stagione piovosa.  L'attività, in alcuni casi già partita nei giorni scorsi,  riguarda i comuni di Modena, Bastiglia, Bomporto, Campogalliano, Castelfranco Emilia, Concordia, Finale Emilia, Nonantola, S.Possidonio, S.Prospero, Ravarino e Soliera e prosegue una analoga campagna effettuata in agosto. E nei prossimi giorni si attiveranno progressivamente tutti gli altri Comuni per avere, entro metà novembre, un monitoraggio completo ed omogeneo. 

Il monitoraggio degli argini è reso possibile dall'attività straordinaria di sfalcio, partita il 21 ottobre a seguito della eccezionale  piovosità della stagione con conseguente notevole ricrescita di vegetazione. Gli sfalci hanno riguardato i fiumi Secchia e Panaro, canale Naviglio, i cavi Argine e Minutara e nella cassa d'espansione di Secchia e sono terminati per oltre l'80 per cento dei tratti arginati.

Coordinato dalla Protezione civile della Provincia di Modena, il monitoraggio  coinvolge i Comuni attraverso i loro gruppi comunali e le associazioni di volontariato di Protezione civile e degli Ambiti territoriali di caccia, attraverso i volontari coadiutori. Alle squadre di monitoraggio viene chiesto di individuare e segnalare eventuali criticità quali frane, smottamenti, fessurazioni e tane e, con l'aiuto dei coadiutori, di individuare la specie animale che abita le tane censite.

I Comuni trasmettono le schede compilate alla Provincia che, dopo aver georiferito tutte le segnalazioni, invia l'elenco delle criticità ad Aipo che interverrà con lavori di ripristino grazie sui fondi messi a disposizione dal Commissario delegato con le specifiche ordinanze seguite all'alluvione. Proprio per avere un monitoraggio completo ed omogeneo la Provincia ha elaborato e consegnato ai Comuni una scheda nella quale viene indicato il tipo di criticità e la localizzazione (in base ai  pilastrini che si susseguono ogni 200 metri sugli argini) oltre ad una mappa dell'arginatura. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Argini, controlli straordinari in vista della cattiva stagione

ModenaToday è in caricamento