SLA, a Modena il convegno nazionale su ricerca e cure

Presso la Neurologia del Nuovo Ospedale S. Agostino-Estense, attiva un’equipe multidisciplinare dedicata a questa patologia che segue circa 150 pazienti. Due giorni di Convegno Nazionale

Un appuntamento scientifico di livello nazionale che farà il punto sullo stato dell’arte della ricerca e sulle cure ad oggi disponibili per la Sclerosi laterale amiotrofica (Sla), una patologia che colpisce circa 6mila persone in Italia. Il settimo convegno nazionale sulla Sla è in programma il 7 (dalle 13.00 alle 18.30) e l’8 novembre (dalle 9.00 alle 13.30) nella Camera di Commercio di Modena (via Ganaceto 134) ed è organizzato da Aisla (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica) in collaborazione con la Clinica Neurologica del Nuovo Ospedale Civile Sant’Agostino Estense, Dipartimento Integrato di Neuroscienze, e di numerose società scientifiche.
 
L’evento - aperto a esperti, addetti ai lavori, persone con Sla e loro familiari - aprirà col saluto del presidente nazionale Aisla Massimo Mauro, del direttore generale dell’Azienda USL di Modena Mariella Martini e del direttore del Dipartimento Integrato di Neuroscienze e preside della Facoltà di Medicina di Modena Paolo Nichelli. Interverranno alcuni tra i più qualificati relatori italiani impegnati nella ricerca e nella presa in carico dei malati che si confronteranno durante quattro sessioni dedicate a temi scientifici quali il ruolo della genetica, le scoperte più recenti relative al ruolo dell’immunità, le novità in ambito clinico (biomarcatori, criteri diagnostici e stadiazione) e quelle farmacologiche. Si parlerà anche di assistenza sul territorio, il counselling genetico, la gestione delle disfunzioni cognitive e del fine vita. Tra i relatori e moderatori spiccano diverse autorità internazionali nell’ambito della ricerca sulla SLA: il Gruppo di Studio Malattie del Motoneurone della Società Italiana di Neurologia, coordinato dalla dottoressa Jessica Mandrioli della clinica neurologia modenese,  ha svolto ricerche di rilevanza internazionale sulla SLA. I consorzi ITALSGEN e SLAGEN, inoltre, hanno contribuito alla scoperta di alcuni dei geni più importanti della malattia.
 
L’evento si terrà a Modena poiché presso la Neurologia dell’ospedale di Baggiovara è attiva un’equipe multidisciplinare, diretta dalla dottoressa Mandrioli, composta da neurologi, psicologi, pneumologi, logopoedisti, dietisti e altri professionisti. Il centro svolge attività di ricerca e cura e segue circa 150 pazienti. Il centro modenese inoltre coordina il registro regionale sulla Sla che raccoglie dati clinico-demografici di tutti i pazienti dell’Emilia Romagna che vengono utilizzati per studi epidemiologici e clinici. Il centro collabora con importanti enti e consorzi per la ricerca clinica e sui nuovi farmaci.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Sla
La Sclerosi laterale amiotrofica è una malattia neurodegenerativa progressiva caratterizzata da degenerazione dei motoneuroni con conseguente paralisi della muscolatura scheletrica e compromissione, in un arco di tempo variabile, dei movimenti, della parola, della deglutizione e della respirazione. Nella maggior parte dei pazienti la durata di malattia è compresa tra 2 e 5 anni. I nuovi casi sono 2-3 ogni 100.000 abitanti, in Italia sono circa 6mila le persone colpite dalla malattia. Uno degli obiettivi fondamentali della cura della persona affetta da SLA è rappresentato dall’approccio multidisciplinare e dalla continuità assistenziale nel tempo e tra ospedale e territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in orspedale

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

Torna su
ModenaToday è in caricamento