menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anziani derubati da finti operatori sanitari, nuovo arresto per una coppia di nomadi

Ai due, già arrestati un mese fa, è stato attribuito anche un colpo avvenuto a dicembre a Novi di Modena

Ieri mattina i carabinieri della Compagnia di Carpi, a seguito di un’attività di indagine, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza cautelare con cui sono stati disposti gli arresti domiciliari di due persone, un uomo di 35 anni, originario di Correggio, ed una donna di 62 anni, originaria di Gonzaga, entrambi nomadi pluripregiudicati.

Si tratta degli stessi malviventi già finiti ai domiciliari ad inizio febbraio: i Carabinieri li avevano già ritenuti autori di quattro truffe avvenute il 15 ottobre 2020, il 2 e il 3 novembre 2020 e il 23 dicembre. Ttalvolta fingendosi operatori sanitari dell’ospedale di Carpi con funzioni di controllo igienico dei locali, sono riusciti fraudolentemente ad ottenere l’accesso nell’abitazione di cinque anziani (due a Soliera, uno a Carpi, uno a Cavezzo ) e, dopo averli distratti, a derubarli dell’oro e dei soldi.

Il modus operandi è sempre lo stesso; uno di loro suona al citofono, si qualifica come operatore dell’ospedale di Carpi e chiede all’anziano di entrare in casa, con il pretesto di dover verificare la corretta igienizzazione all’interno dell’abitazione. La donna entra seguita dall’uomo, più giovane, che indossa una tuta con cappuccio e che si presenta come un collega: i due falsi operatori chiedono di ispezionare le stanze. La vittima acconsente e li accompagna nelle stanze della propria abitazione e mentre uno dei due malfattori la distrae, l’altro inizia a frugare in ogni cassetto e ad impossessarsi di ogni genere di valore.

Le indagini hanno permesso di individuare i due responsabili ed attribuire loro le responsabilità di un quinto colpo, commesso il 27 dicembre a Novi di Modena, quando erano riusciti a sfilare il portafogli dalla tasca della vittima con la  tecnica dell’abbraccio. La procura di Modena, difatti, nella persona del Pm Guerzoni, ha ritenuto di chiedere al GIP l’emissione delle due misure cautelari che ieri mattina, alle prime luci dell’alba, sono state eseguite dai militari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, 113 casi in provincia. Tre decessi e tre ricoveri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento